Archivi tag: tette

Flash post

Oggi sono proprio stufo. Non mi va di scrivere nulla di interessante.

(Una voce da dietro le quinte: “E quando mai avresti scritto qualcosa di interessante?” Ah ah, che simpatico, adesso puoi anche andartene)

Per cui propongo un post molto rapido: barzelletta e gnocca vi va bene?

Ok, ok, metto anche una foto di Raoul Bova. Così le ragazze non si sentono escluse.

(Una voce dagli spalti: “E da quando te ne frega di cosa pensano le ragazze?” Ah ah, bella questa amico, mi piace come ragioni. Ora vattene, dico sul serio)

***

Barzelletta

Giulio, 75 anni, va dal suo medico per farsi analizzare lo sperma.
Il dottore gli dà un piccolo flacone e gli dice di ritornare il giorno dopo per l’analisi.
Il giorno dopo l’uomo ritorna dal medico con il flaconcino vuoto. Il dottore gli domanda il perché.
“Eh, ho provato con la mano destra, senza successo, con la mano sinistra, meno che mai, allora ho chiesto a mia moglie di aiutarmi.
Lei ha provato con la mano destra e poi con la sinistra, sempre niente, poi ha provato con la bocca, poi con i denti, sempre senza riuscirci.
Allora ho chiesto alla nostra giovane vicina che ha provato con la mano destra, poi con la sinistra, poi con la sua bocca, con i denti…”
Il dottore, scioccato, lo interrompe: “Lei ha chiesto aiuto alla sua vicina di casa?!”
“Eh si, dottore, abbiamo provato di tutto ma non siamo riusciti ad aprire questa merda di fialetta!!

***

Ok, e adesso gnocca!

238469039.jpg
2045152960.jpg
907772967.jpg
Sì, è sempre lei.

 Giuro che se me la scopo morirò felice.

Per Chiara

83006517.jpg

 

Chiara, tu splendi nella notte

Fulgida come una stella

Brilli nelle tenebre

Proprio come una lucciola

E non sto parlando di quelle lucciole

Piccole e svolazzanti

Parlo invece di quelle lucciole

Che battono le strade di notte

E si concedono a chi capita

In cambio di qualche soldo

E con questo non voglio certo

Paragonarti a una di loro

Anche se

Non si può negare

Che tu un po’ mignotta lo sei

Anzi

Diciamo che sei proprio una gran troia

Una vera puttana

Mi hai messo le corna

Per la terza volta

Ma stavolta non ti perdono più

Sono stanco di soffrire per te

Stavolta te la farò pagare

Stasera vado a lucciole

E non sto parlando

di quelle piccole e svolazzanti

 

Le caprette mi fanno ciao, stronzo

Ricordo ancora con una punta di nostalgia i bei vecchi tempi in cui ero ragazzino: collezionare le figurine dei calciatori! Correre in bicicletta con gli amici! Spiare il seno delle ragazze in piscina! Ok, l’ultima la faccio ancora.

Momenti magici, indimenticabili. Peccato che d’un tratto, a quattordici anni, la mia infanzia finì bruscamente. Fui mandato dai miei genitori a vivere in campagna coi miei nonni.

Un po’ come Heidi che va a stare col vecchio sui monti. Con l’unica differenza che io col cazzo che accettai di dormire sulla paglia. Pretesi un letto a due piazze e misi subito bene in chiaro che non avrei mai e poi mai munto una vacca.

893109145.jpg

Rimasi per tre anni in campagna, a lavorare nei campi, a cogliere mele dall’albero, a giocare col cane, a rincorrere gli anatroccoli e a respirare la fresca aria che spirava dai colli.

Che due coglioni.

Finalmente tornai in città, profondamente cambiato rispetto al ragazzino insicuro e spaventato che era partito tre anni prima. Innanzitutto, non ero più vergine.

1841748614.jpg

Ebbene sì, lo confesso. Ho perso la mia verginità con una ragazza di campagna. Era molto carina, seppur un po’ rustica nei modi. Continuava a voler zappare il campo mentre facevamo l’amore. E inoltre masticava tabacco e imprecava di frequente.

1524214282.jpg

Comunque, una volta tornato in città, passai un periodo in cui non riuscivo più ad abituarmi alla vita urbana. Smog, cemento, macchine: tutto quanto mi sembrava grigio e spento.

Avrei dato qualsiasi cosa per vedere il sedere di un mulo o, in mancanza d’altro, per poter spalare per l’ultima volta una bella montagna di sterco fumante. Dio, come mi mancava la vita bucolica.

Pian piano iniziai ad abituarmi alla mia condizione di abitante della città. Cominciai ad assaporare il profumo degli scarichi delle auto, mi fermavo sempre più spesso ad ascoltare incantato il dolce suono dei clacson impazziti. Di notte salutavo le prostitute lungo le strade, mi scoprivo a sorridere a tossici e barboni che mi chiedevano qualche euro. Dopo qualche mese finalmente mi venne una bella tosse dovuta all’inquinamento: ecco, in quel momento capii che ero veramente tornato a casa.

(Mi manca tanto lo sterco fumante di cavallo.)

Caliamo il sipario

Ragazzi, siamo nella merda più nera: la crisi economica mondiale. La riforma Gelmini che taglia i fondi per le scuole. Incidenti sul lavoro a non finire. Berlusconi che si fa le leggi ad personam. E questa mattina alla mia ragazza sono arrivate le mestruazioni! Un casino, un vero casino.

Per fortuna c’è sempre qualcosa che risolleva il morale degli italiani al momento giusto: per esempio, Ilary Blasi che si fa ingroppare da un cavallo. Ecco qui la foto:

1989309012.jpg

Siete delusi, vero? Anch’io. Volevo vedere il cazzo del cavallo.

Da quando ho iniziato a tenere questo blog, l’unico pensiero che mi è frullato in testa è sempre stato: devo accumulare link, devo scalare le classifiche, devo diventare famoso, devo conoscere qualche sedicenne ninfomane sul web. Ok, levate pure l’ultima affermazione. Anche perché non c’era bisogno che lo specificassi.

Invece , dopo mesi e mesi gettati al vento scrivendo stronzate su stronzate, cosa ho ottenuto? Una misera authority di 34 su Technorati e il posto numero 1175 nella classifica di BlogItalia. (Grillo, maledetto figlio di puttana, prima o poi ti raggiungerò.)

Beh, ma hai ottenuto una discreta schiera di commentatori fedeli, direte voi.

Ah, giusto. Non dimentichiamo i miei fedeli commentatori. Sì, sto parlando proprio di voi. Mi fate schifo. Vi odio. Siete patetici, non riesco a dormire la notte pensando che tutta la fatica che faccio viene ripagata con i vostri stupidi, squallidi commentini del cazzo. Andatevene, non tornate mai più. Non voglio mai più leggere un solo vostro insulso commento.

Sì, sto parlando anche con te, prefe. Non far finta di non aver sentito.

Dicevo anche a te, Brukoniglio. Hai capito benissimo, vedi di sparire.

E tu, Luca, smettila, mi hai stufato. Coq, sparisci dalla mia vista. Heike, vattene via per sempre.

Jacopo, tornatene da dove sei venuto. Imho, togliti da qua. Venividiwc, ti prego, alza i tacchi e fila via. Franco, leva le tende dal mio blog.

Campanellino77, io ti amo. Sposami. O perlomeno dammela.

RINGRAZIAMENTI SPECIALI:

prefe, che è diventato il mio “giornalista” preferito.

Brukoniglio, che scrive cose assurde, e mi piace assai.

Luca, che è conciso e pungente come pochi.

Jessica Alba, che vorrei tanto farmi e poi morire.

Coq, che scrive cose più stronze delle mie.

Heike, che è davvero, davvero bravo.

Jacopo, che purtroppo scrive poco ma mi diverte.

Imho, che ne scrive di belle quando ci si mette.

Venividiwc, che in tre righe mi fa spaccare dal ridere.

Franco, che seguo sempre in silenzio.

Campanellino77, che è una gnocca assurda, e poi scrive davvero roba buona, per essere una femmina. (la parola femmina dev’essere pronunciata con disprezzo.)

***

Bene, ho finito la lista. Se ho dimenticato qualcuno, o se qualcuno si fosse sentito escluso, o se qualcuno vuole essere tolto (sigh) è pregato di farmelo sapere inviando un’e-mail a nonmenefregauncazzo@yahoo.it.

Se per caso vi sono sembrato sentimentale (so cosa state pensando: uuh, la lista di ringraziamenti, ma che cariiinoooo, il povero faina fa il dolceee) vi invito a ricredervi, e per semplificarvi il compito userò una breve, semplice, concisa espressione:

vaffanculo a tutti.

P.S. Questo è il mio ultimo post. Abbandono il blog. Hasta la vista.

1223423353.jpg

Letterine n.5

481295702.jpgCaro Faina, sono una ragazza di 16 anni e ho un problema che ormai va avanti da mesi: credo di soffrire di anoressia. Vado spesso in bagno a vomitare dopo mangiato, non ho mai appetito, la vista del cibo mi mette ansia, ogni volta che mangio qualcosa mi sento terribilmente male. Cosa posso fare per risolvere questo problema?    (Erika, Rimini)

Cara Erika, la risposta è semplice: cambia ristorante.

Caro Faina, poteri sapere il tuo parere sulla crisi economica mondiale?    (Gigi, Ischia)

Caro Gigi, il mio parere sulla crisi che sta investendo l’economia mondiale in questi giorni è molto semplice: fintanto che al mondo esisterà una Manuela Arcuri, della crisi non me ne fregherà un cazzo.

Caro Faina, sono sette anni che soffro di emorroidi. Il dottore dice che non c’è alcuna cura. Che mi consigli?    (Lucia, Trapani)

Cara Lucia, io comincerei a pensare seriamente al suicidio.

Caro Faina, da un po’ di tempo a questa parte faccio degli strani sogni in cui mi ritrovo completamente nudo a bordo di una nave piena zeppa di ippopotami rosa. Cosa può voler significare?    (Luca, Venezia)

Caro Luca, può voler dire solo una cosa: tua moglie ti tradisce col postino, e il tuo migliore amico è gay e si masturba pensando a te. Inoltre credo che il colore rosa degli ippopotami possa indicare che hai un cancro mortale, probabilmente al pancreas.

Enciclopedia delle giovani attrici Under-23

 

Molti di voi mi spediscono e-mail chiedendomi di scrivere un articolo sulle prossime elezioni presidenziali negli USA, che vedono i candidati Obama e McCain sfidarsi tra di loro in una battaglia all’ultimo voto per fregiarsi del titolo di presidente degli Stati Uniti d’America.

Cercherò di accontentare le vostre richieste. Ecco il post:

Obama VS McCain: il futuro degli USA

Tanto vince McCain, non rompetemi i coglioni.

Bene, ora passiamo al vero argomento del post di oggi: il fantastico mondo delle ragazze under-23 belle e famose!

Hai mai sognato di andare a letto con quella gnocca della figlia del tuo capo?

Hai mai incontrato per strada una studentessa universitaria con il perizoma in bella vista?

Hai mai sognato di venire spompinato da una mandria di ragazzine ventenni che vedano in te il fascino dell’ “uomo maturo”?

Se la tua risposta a queste tre domande è stata “Sì, cazzo!”, ecco qui il post che fa per te!

Una magnifica rassegna di bellissime under-23 famose, adatta a coloro che sono stufi delle solite cadenti trentenni e che cercano qualcosa di un po’ più fresco e ancora poco usato!

Vanessa Hudgens

(14 Dicembre 1988)

La cara Vanessa è famosa per la sua partecipazione ai film della serie High School Musical, e con famosa intendo dire chi cazzo la conosce.

Nota: Vanessa si era fidanzata con Zac Efron, il suo attore co-protagonista in High School Musical, e gli aveva fatto dono di una manciata di foto erotiche su cellulare, per suggellare il loro amore. Il fatto che io ne stia parlando vi suggerisce chiaramente che tali foto non sono rimaste un esclusivo possesso del simpatico Zac.

2027440850.jpg
1260238237.jpg

Lindsay Lohan

(2 Luglio 1986)

Chi non conosce Lindsay, la simpatica compagna di notti brave di Paris Hilton?

Questa bellissima rossa dal passato difficile è famosa soprattutto per film quali Mean Girls e Herbie – Il super Maggiolino, e quando dico per film intendo per il fatto che è gnocca e che adora i party dove ci si sbronza.

Nota: Ultimamente Lindsay ha annunciato di essere lesbica e sembra che abbia intenzione di sposarsi con una tizia semisconosciuta di nome Samantha Ronson. Staremo a vedere quanto durerà questa sua nuova bizzarra campagna pubblicitaria per attirare l’attenzione.

1063781016.jpg
2071209117.jpg
432859214.jpg
1020550733.jpg

Jamie Lynn Spears

(4 Aprile 1991)

Il cognome vi dice niente? Esatto, è la sorella di Britney Spears. Ed è famosa principalmente per questo, alla faccia dei suoi stupidi ruoli in stupide serie televisive.

Nonostante non sia ancora maggiorenne, la giovane Jamie è già rimasta imbottita come un tacchino di Natale ad opera del suo fidanzato diciannovenne. Ha partorito una bambina e ora vive col suo ragazzo in Louisiana. Non c’è che dire, Jamie, sei la degna erede di tua sorella Britney, e con degna erede intendo sgualdrina. Anche con Britney intendo sgualdrina.

264783114.jpg
855692006.jpg

Hilary Duff

(28 Settembre 1987)

La simpatica Hilary è famosa per aver interpretato il ruolo di Lizze McGuire nella famosa serie televisiva omonima. Inoltre ha recitato in qualche filmetto adolescenziale del cazzo.

Nota: Ha anche una brillante carriera musicale, ma a noi di questo non ce frega un cazzo, giusto?

392564151.jpg
1170452426.jpg

Keira Knightley

(26 Marzo 1985)

La sensuale Keira è famosa per avere recitato nella famosa trilogia di film della Disney, Pirati dei Carabi, a fianco di Johnny Depp.

Nota: E’ indicata da molti critici come la nuova Julia Roberts, quindi speriamo di vederla presto a recitare nei panni (succinti) di una puttana alla Pretty Woman.

P.S. Questa giovane fanciulla non è sotto i 23, ma la metto lo stesso perché ne vale la pena.

910014909.jpg
1691045354.jpg

Megan Fox

(16 Maggio 1986)

Che cosa si può dire della bellissima Megan Fox? Che non me la scoperò mai, ad esempio. Ma neanche voi, e questo mi rallegra.

La giovane attrice famosa per il suo ruolo in Transformers ha fatto furore ad Hollywood, guadagnandosi ben presto l’attenzione di tutto il mondo dello spettacolo. E stiamo parlando di una tizia che non sa recitare. Questo per far capire una volta per tutte che si può anche avere il talento di Anthony Hopkins, ma se sei brutto non hai futuro.

Nota: Tornerà come attrice co-protagonista nel seguito di Transformers. Che non sarà un film porno, quindi chissenefrega.

1099182853.jpg
1470402009.jpg
1967149759.jpg
Se non ti piace Megan Fox,vattene da questo blog, stronzo.

Letterine n.4

481295702.jpg1. Caro Faina, di recente mia zia ha minacciato spesso di togliersi la vita, e in famiglia siamo tutti preoccupati che questa sua terribile affermazione sia dovuta a un principio di depressione acuta. Sono sconvolta, non so cosa fare.    (Sabrina, Riccione)

Cara Sabrina, lasciala fare. Nel caso si tiri indietro, mettile un goccio di arsenico nel caffè alla mattina, e l’eredità sarà tutta vostra. Saluti.

2. Caro Faina, ho paura che la mia ragazza sia incinta. E’ in ritardo di tre settimane e non so più che fare. Aiutami.    (Giuseppe,Treviso)

Caro Giuseppe, un calcio al basso ventre è spesso il rimedio migliore per simili eventualità. Se non funziona, prova con un manico di scopa nella vagina. Auguri.

3. Caro Faina, mi sento attratta dalla mia migliore amica. Sono lesbica?    (Silvia, Como)

Cara Silvia, ti consiglio di tentare un’esperienza sessuale con lei, e scoprire così se la tua è un’attrazione fisica o solo spirituale. Naturalmente, ti raccomando di filmare in segreto il vostro rapporto lesbico e di spedirmene una copia, affinché possa visionare il filmato e farmi un’idea più chiara della situazione.

4. Caro Faina, ho ucciso mia moglie e non so dove nascondere il corpo. Cosa mi consigli?    (Anonimo, Trieste)

Caro Anonimo, spediscimi il cadavere e un assegno da diecimila euro, al resto ci penso io.

5. Caro Faina, i maschi preferiscono i pompini con l’ingoio o senza?    (Tatiana, Bari)

Cara Tatiana, la tua è una domanda delicata. Fami pervenire il tuo numero di cellulare al più presto, ti risponderò in privato.

Vita da monco

Spesso mi viene in mente che potrei rimanere monco. Perdere la mano destra in un incidente, per esempio. Sarebbe un gran bel problema del cazzo. Dovrei imparare a masturbarmi con la sinistra.

O, per esempio, non potrei più fare le flessioni. Non che io ora le faccia, sia ben chiaro. Preferisco passare il mio tempo sul divano. A masturbarmi.

O, per esempio, farei una fatica boia ad infilarmi i jeans. Chi ha mai provato a infilarsi i jeans con una mano sola? Jeans attillati, magari? E’ un’impresa snervante. Un po’ come trombare da ubriaco.

O, per esempio, non potrei più giocare con la Play Station. Oppure potrei, ma dovrei rassegnarmi a perdere tutte le partite a FIFA.

O, per esempio, dovrei imparare a pulirmi il culo con la mano sinistra. Ma sarebbe difficile, già lo so. E io non vado matto per le cose difficili.

I primi tempi dovrei chiamare una badante.

“Olga, l’ho fatta di nuovo! Vieni a pulirmi il culo!”

“Arrivo, signorino, eccomi. Una passata leggera o forte?”

“Leggera, grazie. E credo che tre possano bastare.”

O, per esempio, dovrei rassegnarmi a non poter più battere le mani. Sarebbe terribile. Non poter applaudire alla fine di un’opera teatrale, non poter applaudire al matrimonio di mia sorella, non poter applaudire quando la mia ragazza mi fa un pompino.

Terribile.

1464976046.jpg
Nella foto: Manuela Arcuri mentre tenta di sfondare un reggiseno con la sola forza delle tette.

 

Prevedo che tu sia uno stronzo

Odio l’oroscopo. Trovo che sia una delle baggianate più insulse e fasulle della nostra civiltà, soprattutto dopo quella volta che mi aveva predetto soldi e figa in abbondanza. E invece quel giorno mi hanno fottuto il portafogli e non ho potuto pagare la prostituta.

E’ tutta colpa di quella naturale tendenza dell’uomo a voler prevedere il futuro, a tutti i costi. Tutti che vorrebbero sapere cosa succederà nelle loro vite, che tempo farà giovedì, cosa c’è dopo la morte, tra quanto tempo Berlusconi tirerà le cuoia. Basta, basta, non se ne può più!

Noi uomini non siamo fatti per conoscere il futuro. Non siamo abbastanza bravi da saper utilizzare al meglio un tale dono. Guarda Nostradamus, ad esempio. Lui prevedeva un sacco di cose. Ci passava tutto il giorno, a fare previsioni. Eppure è morto sotto a un camion. Sulla sua lapide hanno scritto “Questa non la sapevi, stronzo?”

C’era Gesù che ci sapeva fare, con ‘sta roba del futuro. Lui sapeva predire quante volte Pietro avrebbe fatto il paraculo prima del canto del gallo. Che spasso.

C’era però un problemino, ovvero Gesù sapeva di preciso quando e come sarebbe morto. Sarà per quello che era così nervoso coi mercanti quando è entrato nel Tempio.

“Che cazzo di casino state facendo a casa mia?” urlava, prendendo a calci nel culo le galline che scorrazzavano davanti all’altare.

“Calmati, amico, stiamo facendo solo qualche affaruccio. Poi ripuliamo tutto!” ripetevano i mercanti, un po’ preoccupati.

“Maestro, si calmi, non è il caso di fare così…” gli sussurravano gli apostoli, imbarazzati.

“Uomini di poca fede, come osate contraddirmi! Tu, Simon Pietro, se non fosse per me, staresti ancora facendo il pescatore su quella barchetta di merda  puzzolente di pesce, insieme a quell’idiota di tuo padre! E tu, Giuda… Tu.. Tu sei proprio un gran figlio di puttana!”

Essere in grado di prevedere il futuro è decisamente una cosa impegnativa e stressante.

Oroscopo

Bilancia: “Lavoro: sono possibili avanzamenti di carriera.” E se faccio il serial killer?

Leone: “Troverete l’amore, se solo avrete la possibilità di riconoscerlo”. E se sono già sposato?

Toro: “Influssi planetari favorevoli vi permettono di godere di una forma fisica e psichica finalmente del tutto equilibrata.” E se sono uno schizofrenico su una sedia a rotelle?

Sagittario: “L’amore è concentrato nel dialogo costruttivo tra voi e il partner, anche per quei rapporti che avevano segnato qualche tensione negli ultimi tempi.” E se ho appena divorziato?

Scorpione: “Mercurio illumina il Sole e vi rende ancora più affascinanti del solito.” E se sono un cesso?

1724876825.jpg
“Mercurio illumina il Sole e vi rende ancora più affascinanti del solito.”

 

Intervista a Michelle Hunziker

434546508.jpg
Nella foto: Michelle Hunziker mentre rende ciechi milioni di adolescenti.
 

***

Faina: Cara Michelle, innanzitutto grazie per averci concesso la possibilità di intervistarti.

Michelle: Grazie a te, Faina. (ride) Mi sono giunte voci che le tue interviste sono sempre molto educate e rispettose. Altrimenti non avrei accettato.

Faina: Grazie al cazzo, le ho messe in giro io quelle voci, pur di convincerti.

Michelle: Come?

Faina: Sei bellissima, come sempre.

Michelle: Ah.

Faina: Cominciamo?

Michelle: D’accordo. (ride)

Faina: Michelle, tutta Italia si chiede se un giorno tornerai mai assieme a Eros. Ultimamente mi sembra che abbiate riallacciato i rapporti, non è così?

Michelle: Esatto. (ride) E’ da un po’ di tempo che abbiamo ripreso a vederci, ma solo per amore di nostra figlia. (ride) Non penso che ci sia volontà di riavvicinamento da parte di nessuno dei due.

Faina: (tossendo) Certo, come no, sono sicuro che Eros non vorrebbe mai e poi mai tornare a scopare con te.

Michelle: Come, scusa?

Faina: Siete molto carini insieme.

Michelle: Grazie. (ride)

Faina: Cara Michelle, parliamo un po’ dei tuoi prossimi impegni lavorativi. Si parla di un tuo ritorno alla conduzione di Zelig. Me la dai?

Michelle: Scusa, non ho capito l’ultima domanda. (ride)

Faina: Me la dai?

Michelle: Cosa?

Faina: Impegni lavorativi, Michelle. Ti ho chiesto dei tuoi impegni lavorativi. E di Zelig. Lo condurrai tu?

Michelle: Ah, ok. Avevo capito male, scusa. (ride) Comunque su Zelig non posso dire niente, è un segreto! (ride)

Faina: Un segreto?

Michelle: Eh sì, un segreto! Devo tenere la bocca chiusa!

Faina: E’ un peccato, dal momento che la tua bocca aperta stimola innumerevoli fantasie su pompini.

Michelle: Che hai detto?

Faina: Che speriamo tutti quanti di rivederti a condurre Zelig al più presto.

Michelle: Segreto,segreto! (ride)

Faina: Quando ridi mi arrapi.

Michelle: Scusa?

Faina: Hai una risata stupenda.

Michelle: Grazie! (ride)

Faina: Michelle, negli ultimi anni i paparazzi ti hanno causato guai a non finire, mettendo a serio rischio la tua serenità e il tuo equilibrio solo per ottenere foto e particolari intimi della tua vita privata. Di che colore porti il perizoma?

Michelle: Il cosa?

Faina: La tua vita privata, Michelle. Ti ho chiesto della tua vita privata e del rapporto conflittuale che hai avuto con i paparazzi.

Michelle: Oh. Ok. (ride) I paparazzi fanno solo il loro lavoro, non li biasimo per quello. Ammetto però che certe volte tendono ad esagerare. (ride) Ma, dopotutto, è questo il prezzo che si paga quando si fa parte del mondo dello spettacolo. (ride)

Faina: O quando si è una figa svizzera con un culo da paura.

Michelle: Hai detto scusa?

Faina: Speriamo che questi paparazzi allentino un po’ la presa.

Michelle: Grazie! (ride)

Faina: Ma figurati, bella topa.

Michelle: Eh?

Faina: In bocca al lupo.

Michelle: Crepi, grazie! (ride)

Faina: Cara Michelle, la gente si chiede spesso come sia ritrovarsi così famosa e desiderata, e tuttavia sprovvista di un partner fisso che possa darti la sicurezza necessaria.

Michelle: (ride) Sai, Faina, me lo chiedono spesso. (ride) Si vede che la gente pensa che una giovane donna con una figlia di cinque anni non possa fare a meno di un uomo fisso. (ride)

Faina: (sussurrando) Ti prego dammela.

Michelle: Ma voglio sfatare questo mito: anche le giovani donne hanno abbastanza coraggio per farsi largo nella vita! Senza che ci sia necessariamente l’appoggio di un uomo. (ride) Ci vuole molta forza di volontà, lo ammetto, ma anche da sola ce la faccio. (ride) Questo non significa che se arrivasse il principe azzurro..

Faina: Intendi dire che per ora scopi a destra e a manca, aspettando che arrivi un riccone a rimorchiarti?

Michelle: Cosa hai detto?

Faina: Che devi avere una gran forza dentro di te.

Michelle: (ride)

Faina: Chissà se hai mai fatto sesso di gruppo.

Michelle: (ride) Cosa, scusa?

Faina: Ho detto che sarebbe molto bello se ci fossero più donne con la tua stessa determinazione.

Michelle: Grazie mille! (ride)

Faina: E con lo stesso culo.

Michelle: (ride)Scusa?

Faina: Sei un esempio da imitare.

Michelle: Sei troppo gentile! (ride)

Faina: E sei anche un ottimo desktop erotico sul mio computer.

Michelle: Dicevi scusa? (ride)

Faina: Che sei la showgirl più famosa e brava d’Italia e che ti auguro tanta fortuna per il futuro.

Michelle: Speriamo in bene! (ride) E’ difficile mantenere sempre alto il livello in questo campo. (ride) Bisogna saper migliorarsi e reinventarsi continuamente per intrattenere e divertire il pubblico! (ride)

Faina: Ma non dire stronzate, basta che ogni tanto ti fai fotografare le tette.

Michelle: Come?

Faina: Ti amo.

Michelle: Mi ami?

Faina: No, hai capito male.

Michelle: No, no, hai proprio detto che mi ami.

Faina: Ti sbagli.

Michelle: Ho sentito benissimo.

Faina: Non può essere.

Michelle: Ne sono sicura.

Faina: Tu mi ami?

Michelle:

Faina:

Michelle: No.

Faina:

Michelle:

Faina: Vuoi sentire che buon odore ha il mio fazzoletto?

Michelle: Mmm… profuma di cloroformio.

Faina: Buono, vero?

Michelle:

Faina: Michelle?

Michelle:

***

174731292.jpg
Nella foto: Michelle Hunziker mentre diventa famosa in tutta Italia.