Dammi una pelliccia e fammi tornare allo stato selvaggio: un tuffo nel regno animale, l’uomo è una bestia con l’IPod

berserk_by_dreadpirateandrew.jpg

<<Vieni qui, testa di cazzo!>>

Mi avvicino e gli sorrido. In realtà sento il cuore che mi rulla nel petto e un leggero senso di nausea, ma devo sorridere, devo far vedere che è tutto sotto controllo: c’è gente che ci sta guardando.

<<Come mi hai chiamato?>> gli chiedo, anche se lo so benissimo. Tipico approccio da Manuale della Rissa Perfetta.

<<Testa di cazzo.>>, risponde lui. E’ immobile, mi guarda. Ha il mio stesso sorriso falso sul volto. Siamo due idioti, ma adesso nessuno di noi può più tirarsi indietro. Il problema è che lui ha venti chili in più di me. E dieci centimetri in altezza, che in questa situazione sembrano chilometri. Che fortuna.

<<Uao. Sei davvero un duro, amico.>> gli faccio io. Mi piazzo davanti a lui, con le mani in tasca e la testa leggermente inclinata: sembro proprio il più cazzuto dei teppisti da strada di questo mondo. Peccato che le apparenze ingannano.

<<Hai guardato la mia ragazza?>>

Ecco. Il motivo. Lo stupidissimo motivo.

<<Non credo.>>

<<Ti ho visto, l’hai guardata, testa di cazzo.>>

<<Forse ti sei sbagliato, amico. Capita anche ai duri come te.>>

Lui fa una smorfia e si avvicina di un passo. Ora siamo molto, molto vicini. Io alzo la testa e lo guardo negli occhi. Ehi, come va lassù in alto?

<<L’hai guardata.>>

<<Ti sbagli, duro.>> rispondo io, e dico duro con lo stesso tono con cui direi coglione ritardato. <<Non l’ho neanche vista, figurati.>>, e accenno con la testa alla ragazza bionda che se ne sta qualche metro più in là, fumando una sigaretta e osservando la scena con l’aria annoiata di una casalinga al ventesimo anno di matrimonio.

<<Io dico che l’hai guardata.>> insiste lui, e vedo distintamente che serra i pugni. Sembrano due palle di cannone, porca puttana, e me le sto per beccare dritte sul muso. Oh beh, oggi non avevo altri impegni.

<<Senti, non so di cosa stai parlando. Non l’ho guardata, non me ne frega un cazzo. Stai calmo.>>

<<Testa di cazzo.>>

<<Sì, ho capito, testa di cazzo, ancora, okay. Bravo Bongo, hai imparato una parola nuova, ecco il biscottino.>>

L’ho detto o l’ho solo pensato?

<<Come, scusa?>>

<<Niente, niente. Senti, lascia stare, non ho guardato la tua ragazza, te lo sarai immagina…>>

Per un attimo non ci vedo un cazzo e sento una curiosa sensazione di pressione sul lato destro del viso, l’attimo dopo il dolore parte dalla mascella e mi incendia la faccia. Barcollo indietro e per poco non cado per terra. E’ saliva o è sangue quella merda che sento in bocca?  Sputo per terra. E’ sangue. La gente attorno a noi sta mormorando, alcuni fischiano. Con la coda dell’occhio vedo un ragazzo che ci sta facendo un video col telefonino, ehi che bello ho sempre sognato di finire su Youtube, posso salutare mio cugino che mi segue da casa?

Mi asciugo la bocca con il dorso della mano e alzo lo sguardo.

<<Sì che l’ho guardata, e sai cosa? E’ proprio un cesso, dove cazzo l’hai trovata, nelle patatine?>>

Okay, stavolta so che l’ho detto. Guardo di nuovo la ragazza, la sua espressione si è tramutata di colpo in quella di una casalinga sposata da vent’anni che scopre il marito intento a ciucciarsi la segretaria.

Chiudo i pugni e aspetto la reazione dello stronzo davanti a me. Il gorilla non si fa attendere.

<<Che cazzo hai detto! Sei morto, testa di cazzo!>> urla, scagliandosi verso di me.

<<Ficcatelo nel culo!>> sbraito io, e scivolo sulla destra per evitare il suo pugno, Bel diretto, conosco un paio di pugili che ne rimarrebbero impressionati, e gli pianto il gomito in faccia, prendendogli il naso: bella sensazione, molto piacevole. Il gorilla si porta le mani al viso e farfuglia qualcosa del tipo tuostcuozzporcdiuo, e noto con una certa sorpresa che il sangue gli sta colando dal mento, insozzandogli la maglietta. Ne sta perdendo davvero molto. Non tanto da rimanerci stecchito, ma abbastanza da regalarmi un sorriso. Ma cazzo, la mascella mi fa un male boia.

<<Il naso! Cazzo!>> urla lui, e spruzza goccioline di AB negativo dalla bocca impastata.

La situazione si fa seria, la gente attorno a noi sembra il pubblico di Forum, le ragazze urlano, vedo un coglione brufoloso che applaude e annuisce, mentre un paio di idioti hanno attaccato a urlare un coro da stadio. Manca solo il tizio che vende i pop-corn e le aranciate.

Nel frattempo il gorilla non si lasci andare all’autocommiserazione e scatta verso di me. Questa volta non schivo un bel cazzo: prendo un pugno sull’occhio e finisco a terra, mentre tutto diventa sfocato e una vasta gamma di incredibili e affascinanti colori mai visti prima mi si apre davanti in tutto il suo splendore.

<<Merda…>> sussurro, cercando di rialzarmi. Mi sembra di aver perso l’occhio, non risponde più ai comandi. Ora tre quarti abbondanti del mio cranio stanno chiedendo pietà in coro.

<<Mangiami il cazzo, puttana del cazzo!>> urlo di colpo, girandomi verso la bionda del gorilla. <<Troia sbattuta di merda vieni qui e ingoiami IL CAZZO!>>

La ragazza lascia cadere la sigaretta a terra e mette su una faccia che sembra l’urlo di Munch.

Io mi giro verso il gorilla e lo vedo in preda a una crisi mistica, con il sangue che gli scende a fiotti dal naso e intento a guardarmi con l’aria di un cieco che ha acquistato la vista per miracolo e la prima cosa che vede è il buco del culo di un cane.

<<Cosa.. cosa…>> balbetta, e sembra completamente a corto di argomenti. Io mi sento come un condannato alla sedia elettrica che si metta a urlare maledizioni poco prima che gli sparino duemila volt su per il culo, va bene amico sfogati pure, ora fai ciao ciao al pubblico mentre abbasso questa leva.

Lo guardo e rido: mi sembra tutto così irreale.

<<Io davanti e tu da dietro, che ne dici TARZAN?! E poi ce la giriamo, tu in bocca e io NEL CULO!>>

L’ultima cosa che vedo è il suo piede che si avvicina alla mia faccia, e porca puttana ha le stesse Nike che volevo comprarmi io.

b0.JPG
Dammi una pelliccia e fammi tornare allo stato selvaggio: un tuffo nel regno animale, l’uomo è una bestia con l’IPodultima modifica: 2009-03-09T20:48:00+01:00da eric-devor
Reposta per primo quest’articolo

23 pensieri su “Dammi una pelliccia e fammi tornare allo stato selvaggio: un tuffo nel regno animale, l’uomo è una bestia con l’IPod

  1. The Black Grinch

    Alle scimmie va data la banana.
    Dire ad un gorilla che la sua compagna è una bella ragazza e che se la tenga stretta, con tanto di birra offerta per complimentarsi, può trasformare la tua grossa pelosa nemesi nella tua personale guardia del corpo.
    Poi se non funziona portati dietro un cric.

  2. Sermar

    Mi è piaciuto il tuo “pezzo”… degno dei migliori racconti di Lansdale.
    E comunque, se devi menare, mena per primo!!!

  3. Marco

    Belle le immagini di Berserk XD Gatsu quando s’incazza diventa una furia omicida…ma se al gorilla davi un cesto di banane o una macedonia? Di solito funziona..

  4. Attila

    Consiglio da istruttore di autodifesa con esperienza pluridecennale (sembra un annuncio di un giornale di annunci economici): colpisci lo stinco con la punta con un movimento secco (senza che l’avversario se ne accorga), è istintivo piegarsi, di lì si doppia facilmente con ginocchiata/calcio in faccia o sul fianco (nel caso si fosse avvitato nel piegamento), per poi finire comodamente con una gomitata sulla schiena o un nuovo diretto al naso, se non si vogliono aver problemi di risalite pericolose dell’avversario in quanto fisicamente più esuberante (come Ibrahimovic contro Loria per intenderci), si consiglia di scalciarlo a terra cercando di colpire la nuca.
    Alcune ragazze che frequentavano il prestigioso corso da me tenuto hanno provato il metodo su persone di sesso maschile che le importunavano pesantemente e ne confermano la validità, anche se una di loro mi ha confidato che, una volta a terra, ha mirato (centrandoli) agli organi esposti dell’apparato riproduttivo, da parte mia sconsiglio quest’ultimo comportamento, in quanto gli individui di sesso maschile, una volta a terra, hanno la tendenza a portarsi in posizione fetale ed istintivamente a difendere i propri genitali, cosicchè il calcio potrebbe venire bloccato e ci potrebbero essere conseguenze per il piede.

    Cordialità

    Attila

  5. Faina

    @ Attila: Grazie, molto esauriente. Dovresti tenere dei corsi negli asili! Bisognerebbe imparare questi concetti fondamentali fin da piccoli.
    @ indieandre: non stupirti 🙂
    @ fammock: non saprei, non ho mai letto niente scritto da lui. Però Fight Club (il film) non mi è dispiaciuto.
    @ newearth: Hobbes??? (scusa, uso le citazioni ma non mi preoccupo mai di scoprire chi è l’autore) comunque concordo sulla seconda parte del commento.
    @ Gesù: YAWN
    @ Jager: e w la figa
    @ Marco: volevo mettere l’EVA 01 che va in Berserk, ma poi ho cambiato idea.
    @ Sermar: Non ho mai letto neanche Lansdale, ma ne ho sentito parlare bene. rimedierò.
    @ The black Grinch: nel dubbio vado subito col cric.
    @ Fracchia: no, anzi, ultimamente mi va bene.

  6. la redazione

    Grande impresa disegno, arduo lavoro: O Muse, voi dall’Eliconie cimeA me scendete, il vostro aiuto imploro: Datemi vago stil, carme sublime: Antica lite io canto, opre lontane, La Battaglia dei topi e delle rane.

    Sentite, a proposito di topi: ma le faine nascono tutte dalle zoccole, o l’autore del blog è un caso a parte?

  7. cumpareddu

    Le risse più belle che io ricordi sono quelle in cui non sono stato coinvolto, neanche da spettatore.
    ……..”Hai guardato la …..ecc….,bla,bla..”
    ……..”Ma ancora dicono ‘ste minchiate?”
    …dunque, belle NIKE ‘sto scimmione……

  8. newearth

    @ Faina: no infatti, neanche mi preoccupo di cercare autori di citazioni, questa la sapevo per mia cultura filosofica personale (che sembrerebbe vasta, ma non lo è te lo assicuro!)

  9. Faina

    @ Scustumato: non aver paura, puoi anche mettere l’indirizzo del tuo blog quando lasci un commento qui. Non ti mordo. Dai, non fartela sotto, bel cucciolotto. Nessuno ti farà del male.

  10. scustumato

    @Faina

    Soltanto un mongoloide poteva pensare che io, dopo averti dichiaratamente fatto una chiavica sul mio blog, avessi paura di scriverti i commenti a mio nome (paura di chi, poi? Di te?).

    PS: Esistono vari modi per rintracciare l’IP da cui vengono mandati i commenti, perchè non verifichi prima di dire stronzate? E’ vero che se non fai figure di merda non sei contento, però potresti pure prenderti una pausa per far rifiatare la tua dignità.

  11. Faina

    @ scustumato: mi pare alquanto strano che tu alle undici e mezza di sera (dopo poco tempo da quando ho scritto il MIO commento) sia CASUALMENTE finito da queste parti e abbia letto il mio invito a farti avanti (anche considerando che il mio blog ti fa schifo: che cazzo ci fai qui allora?)
    A me pare una prova sufficiente del fatto che sei stato tu a scrivere i commenti di prima. Ma non ti preoccupare, non te ne faccio una colpa, lo so benissimo che rosicare è una tua abilità innata.
    Sei tenero, cucciolotto mio.
    Scrivi un altro post su di me e sul mio blog, ti prego. Sono così ansioso di leggere qualcos’altro scritto da te! Anzi, perchè non trasformi il tuo blog in un blog dedicato a me? Ci potresti scrivere tutti i post che vuoi, e tutti incentrati su di me e su quanto ti faccio schifo!
    Ti prego, cucciolotto, fallo!
    Kiss Kiss

  12. scustumato

    Una prova sufficiente di che? In che modo il fatto che abbia risposto al tuo commento dimostra che ti abbia scritto sotto falso nome PER PAURA DI TE?

    Esiste la verifica degli Ip dei commentatori. Che aspetti a farla invece di cimentarti nella ricostruzione probatoria dei pezzenti? Voglio proprio vedere se hai il coraggio di dire: “E’ vero, non sei tu. Ho detto una cazzata” o se confermi di essere un uomo di niente che straparla per abitudine.

  13. Brukoniglio

    Sono rimasto ipnotizzato dal commento di Attila, dovrò assolutamente sfruttarlo per i prossimi Broogle Ads.

    Faina, la prossima volta un bel pugno di nocca piena sul setto nasale e il problema si risolve in qualche secondo. Peace and love.

I commenti sono chiusi.