Archivi tag: vulva

L’umida caverna

 

mila-kunis-.jpg

Non voglio scadere nel banale parlando come al solito del mio odio per l’universo femminile o del fatto che la vita sia perlopiù una sequela incessante di merda che piove dal cielo, per cui stavolta affronterò un argomento nuovo e, a mio avviso, molto interessante: la figa.

Tutti voi sapete cos’è una figa: chi per esperienza personale, chi per sentito dire, chi grazie a PornoTube. Ma scommetto che pochi di voi hanno perso qualche prezioso attimo di tempo per fermarsi a riflettere e ponderare con attenzione su tale strano ma pur sempre meraviglioso antistress che le donne portano in giro tra la gambe. Esaminiamola insieme, orsù.

 

Caratteristiche tacitamente conosciute della figa ma volutamente ignorate:

 

– La figa, esteticamente, non è un granché. Sembra un ammasso di pongo pieno di grinze arrotolato da un bambino di tre anni. Con un buco seminascosto in mezzo, da qualche parte.

 

– La figa è difficile da usare. Non può bagnarsi a comando, non si allarga subito, cambia la propria forma a tradimento mandando così in panico i poveri giovanotti desiderosi di scopare, sanguina facilmente se usata in maniera brusca.

 

– La figa puzza. Pur essendo divertente infilare la propria lingua nel buco e sentire tutta quella calda e cedevole carne molliccia che le si chiude attorno come una ventosa, non si può negare che l’odore della figa non sia dei migliori. E quel liquido viscido che continua a colare e riempie la bocca a tratti può indurre una sorta di leggera nausea, che però è facilmente sopportabile se si smette di respirare col naso.

 

Scoregge vaginali:

 

Le scoregge vaginali sono causate da un cazzo che entra a velocità sostenuta e con abbastanza forza in una figa ben lubrificata: quando il cazzo si ritira può capitare che l’aria compressa nella figa fuoriesca producendo il tipico rumore di un peto.

 

Questa è una semplice informazione per i tredicenni che seguono il blog.

 

Qual è l’affascinante caratteristica della scoreggia vaginale?

Che trovando il ritmo giusto si riesce a produrre una serie di combo impressionanti, una bella sfilza di PRR, PRR, PRP, PRRR, PRRR, PRRR uno dopo l’altro che possono rallegrare un po’ l’esperienza sessuale (nel caso la vostra ragazza si annoi.)

 

La prima volta che ho sentito una scoreggia vaginale ho pensato che fosse una scoreggia normale, di quelle che escono dal culo, per intenderci. (Non fate quelle facce: avevo quattordici anni e non avevo ancora Internet: come cazzo avrei potuto saperlo?) Fattostà che mi sono fermato di colpo, ho guardata la tizia con un’espressione stupita e mi sono lasciato scappare un “porca puttana!” che suonava come un’accusa.

Povera ragazza. Ha giurato e spergiurato che non aveva la più pallida idea di cosa fosse successo ma che era sicurissima di non aver scoreggiato. La nostra storia comunque finì poco tempo dopo per motivi ben più grandi di noi: fui bocciato e cambiai classe.

 

 

mila_kunis.jpg

 

Clitoride:

 

Sulle enciclopedie potrete trovare pagine e pagine di nozioni varie riguardanti il clitoride, ma il tutto si può riassumere in poche e semplici frasi: il clitoride è una piccola protuberanza molliccia e schifosamente difficile da trovare le prime volte che, se stimolata, provoca una sensazione di piacere sessuale che può sfociare in semplice fastidio, o in solletico, o in un orgasmo. O in una denuncia per molestie sessuali.

 

Il punto G:

 

Hahaha! Se lo trovate lasciatemi qualche indicazione nei commenti.

 

I peli della figa:

 

Guardatevi dai peli della figa! Sono i più grandi nemici di un ragazzo che voglia scopare! I peli della figa sono noti per essere ispidi, arricciati, fastidiosi, folti. E poi nascondo la visuale. E prudono sul naso quando si deve leccare la figa. (Questa è la dodicesima volta che uso la parola figa. Quindi suppongo che questo sia il mio post migliore.) E poi ostruiscono l’entrata del cazzo nella figa. Insomma, se è possibile sarebbe sempre meglio chiedere alla propria ragazza di rasarsi la figa.

 

 

mila_kunis_47.jpg

 

Cose da fare con la figa:

 

Per i maschietti:

 

– Infilarci dentro il cazzo e spingerlo avanti e indietro fino al raggiungimento del risultato previsto

– Infilarci dentro la lingua e roteare, roteare, roteare

– Infilarci le dita e roteare, roteare, roteare

– Infilarci dentro qualcosa e roteare, roteare, roteare

 

Per le femminucce:

 

– Darla

 

 

qjpg.jpg

Educazione sessuale: due ani per tre ani fa sei ani.

 
wwww.JPG

 

Professore: Buongiorno, ragazzi. Iniziamo la nostra prima lezione di educazione sessuale.

Studente secchione: Buongiorno professore.

Studentessa ingenua: Sess..?

Studente simpatico: Ci saranno esempi pratici?

Professore: Fate silenzio. Ora, per cominciare, potremmo partire parlando del fatto che durante l’adolescenza avvengono dei cambiamenti importanti nel corpo dei maschi. La voce si ingrossa, cominciano a crescere i primi peli sul viso e sul pube, poi…

Studente secchione: Ha dimenticato di dire che crescono anche sul petto in certi casi.

Studentessa ingenua: Oh ma che schifo! E’ disgustoso! Ma siete delle scimmie…

Studente simpatico: E il cazzo s’ingrossa! Il cazzo s’ingrossa! Il cazzo diventa un mostro! Il cazzo…

Professore: State zitti, santo cielo!

Studente secchione:

Studentessa ingenua:

Studente simpatico: …sfonda le mutande e tocca terra!

Professore: Nelle donne, invece, il cambiamento più evidente è l’ingrandimento del seno, seguito da…

Studente secchione: Ghiandole mammarie sarebbe un termine più adatto.

Studentessa ingenua: Ingrandimento del seno?

Studente simpatico: Seguito dall’ingrandimento della fig…

Professore: Silenzio!

Studente secchione:

Studentessa ingenua: (mormorando) Ingrandimento?

Studente simpatico: Non ci sarebbe la foto di un seno, tanto per capirci meglio?

Professore: Ho detto silenzio!

Studente secchione:

Studentessa ingenua:

Studente simpatico: Niente tette…

Professore: E’ durante l’adolescenza che il maschio comincia a provare una forte attrazione, anche dal punto di vista fisico, per le femmine…

Studente secchione: Senza dimenticare l’attrazione di tipo caratteriale.

Studentessa ingenua: E da cosa sono attratti? Dal naso?

Studente simpatico: ANCHE dal punto di vista fisico?

Professore: No, signorina, l’attenzione del maschio si concentra prevalentemente sul seno, sul fondoschiena, sulle forme del corpo in generale…

Studente secchione: Ma non dimentichiamo l’attrazione per una persona che condivide i tuoi stessi punti di vista, le tue stesse passioni, gli interessi…

Studentessa ingenua: E perché un ragazzo dovrebbe guardarmi il sedere? Che schifo!

Studente simpatico: Tette culo e figa! Tette culo e figa! Tette culo e figa! Tette…

Professore: Ragazzi, smettetela subito con queste oscenità! O ne parliamo seriamente oppure finiamo qui e passiamo a fare matematica.

Studente secchione:

Studentessa ingenua: Siete dei maiali…

Studente simpatico: L’attrazione fisica cresce in maniera direttamente proporzionale alla grandezza delle tette.

Professore: Ehm.. Esatto, cioè, può essere… Smettila di usare quella parola così volgare e fai silenzio!

Studente secchione:

Studentessa ingenua:

Studente simpatico: Quale? Proporzionale?

Professore: Passiamo alla masturbazione. Nel maschio, l’autoerotismo consiste nella sollecitazione manuale del pene al fine di ottenere piacere.

Studente secchione: Il termine masturbazione deriva dal latino masturbari…

Studentessa ingenua: Sollecitazione di cosa? Ma è orribile… Professore, mi sento male…

Studente simpatico: Il termine masturbazione deriva dal latino sega sparantibus

Professore: Signorina, non faccia sceneggiate, la prego. E’ una cosa del tutto naturale per un maschio, non c’è nulla di cui dovrebbe scandalizzarsi…

Studente secchione: Altre fonti sostengono che masturbarsi deriverebbe dall’espressione manu se turbare, ovvero turbarsi con la mano…

Studentessa ingenua: Ma professore, vi toccate dove si piscia, che schifo!

Studente simpatico: E pensa che certe donne ce lo ciucciano proprio dove si piscia, si chiama pompino, e deriva dal latino ingoius maximus

Professore: Santo cielo ragazzi la volete smettere! Vi state comportando come bambini delle elementari! Vedete di darvi una calmata!

Studente secchione:

Studentessa ingenua: Noi donne non faremmo mai una cosa del genere…

Studente simpatico: E quando finiamo di masturbarci esce un sacco di roba bianca che si chiama s…

Studentessa ingenua: Smettila, porco! Professore, gli dica qualcosa!

Professore: Fate silenzio!

Studente secchione:

Studentessa ingenua:

Studente simpatico: …dal latino spermicus.

Professore: Parliamo dell’organo sessuale maschile. Il pene ha forma cilindrica, e si può dividere in due parti distinte chiamate…

Studente secchione: Il pene è anche l’ultimo tratto delle vie urinarie, non solo un semplice organo sessuale!

Studentessa ingenua: Cilindrica? Ma…

Studente simpatico: Chiamate rispettivamente cazzo e uccello!

Professore: Quelli sono due nomi volgarmente usati per definirlo. E alla prossima interruzione da parte sua la mando dal preside, è avvertito.

Studente secchione:

Studentessa ingenua: Uccello? Perché uccello?

Studente simpatico: Perché è attratto dalla passera. Se vuoi ti faccio vedere come fa a…

Professore: Silenzio! Va beh, lasciamo stare, parliamo dell’organo sessuale femminile. La vagina è un condotto di forma cilindrica…

Studente secchione: Si è dimenticato di dire che è spesso confusa con la vulva.

Studentessa ingenua: Forma cilindrica? Ah, adesso capisco…

Studente simpatico: Io la confondo sempre con la figa, non so perché ma…

Professore: State zitti! Zitti ho detto!

Studente secchione:

Studentessa ingenua: …Ma non ci starebbe mai, a meno che…

Studente simpatico: Professore avrei bisogno di vedere una foto della figa per capire bene la spiegazione!

Professore: Basta adesso!

Studente secchione: Beh, una foto non sarebbe una cattiva idea…

Studentessa ingenua: …Se venisse lubrificata in maniera da…

Studente simpatico: Oppure le nostre compagne di classe potrebbero sacrificarsi alla scienza e…

Professore: …Il sesso. Parliamo di sesso. L’atto sessuale. La penetrazione avviene quando il pene si introduce nel condotto vaginale…

Studente secchione: Si… introduce… lì?

Studentessa ingenua: Ah-ha! Ci avevo visto giusto allora!

Studente simpatico: DI-MOS-TRA-ZION-NE  PRA-TI-CA! DI-MOS-TRA-ZION-NE  PRA-TI-CA! DI-MOS-TRA-ZIO…

Professore: Cristo Iddio state zitti!

Studente secchione:

Studentessa ingenua:

Studente simpatico: …Il sesso lo rende nervoso…

Professore: Stavo dicendo… Si introduce nel condotto e…

Studente secchione: Ma com’è possibile?

Studentessa ingenua: E’ così strano, ma… In fondo, anche affascinante… Non avrei mai pensato che…

Studente simpatico: Si introduce e la martella come un fabbro incazzato, dopodiché la vulva viene sostituita con il buco del culo e avviene un’altra martellazione, dopodiché il buco del culo viene sostituito dalla bocca e…

Professore: Non ho mai visto una classe così indisciplinata in venti anni di carriera e penso proprio che farò rapporto per…

Studente secchione: Cioè, il coso va dentro e poi…?

Studentessa ingenua: Martellazione… Mmmhh..

Studente simpatico: …E spesso mentre la sta spruzzando arriva un altro tizio che comincia a martellarla di nuovo e un altro tizio ancora si mette sotto e…

Professore: Basta ora! Basta, basta, basta!

Studente secchione: Martellarla?

Studentessa ingenua: Si mette sotto e…?

Studente simpatico: Sentite, a casa ho un po’ di materiale didattico sul computer, potremmo trovarci oggi pomeriggio. E tu, vieni senza mutandine, così se avanza tempo si mette in pratica la teoria…