Archivi tag: sherlock

Il mastino dei Baskerville abbaia tutta la notte

sherlockholmes.jpg

Sherlock: Presto, Watson, accorra: ho svelato il mistero! Ho trovato la soluzione! Ho risolto l’arcano!

Watson: Eccomi. Che vuoi?

Sherlock: L’assassino ha usato una potentissima arma ad ampio raggio che emetteva lucenti bagliori azzurri, la quale ha spazzato via la vittima, disintegrandola in una miriade di piccoli frammenti.

Watson: Smettila di guardare Dragon Ball.

***

Sherlock: Watson, temo di non riuscire a risolvere questo caso. Forse dovremmo lasciar perdere. Andiamocene da qui e dichiariamo umilmente che questa immane prova era al di sopra delle capacità umane, evidentemente il genio del male che ha architettato questo diabolico omicidio è addirittura superiore a me. A malincuore devo riconoscere che il caso è assolutamente irrisolvibile.

Watson: E’ stato il maggiordomo, Holmes. Le telecamere di sicurezza l’hanno ripreso. Abbiamo visto il video cinque minuti fa. Non ricordi, Holmes?

Sherlock:

Watson:

Sherlock: E’ rimasta un po’ di cocaina?*

***

Watson: Holmes, sono due ore che sei in bagno. Che diavolo stai facendo?

Sherlock: La pista è ancora calda, Watson! L’assassino è stato qui pochi minuti fa!

Watson: Che stai facendo? Dimmelo!

Sherlock: Presto, Watson! La partita è cominciata!

Watson: Holmes, dimmi che fai o butto giù la porta.

Sherlock: Elementare, Watson, elementare!

Watson: Holmes, Cristo Santissimo, dimmi che cazzo stai facendo!

Sherlock: Non noti qualcosa di strano, Watson? L’arma del delitto è in una posizione piuttosto inusuale.

Watson: Odio quando non vuoi ammettere che ti stai facendo una sega.

***

*Questa è per intenditori di Sherlock Holmes.

***

hollyrh4.jpg
Nella foto: i tragici effetti dell’alcool sul fisico femminile.

Le nuove avventure di Sherlock Holmes

926089377.jpg
 

Holmes: Venga qui, Watson, si spicci. C’è qualcosa che potrebbe interessarla. Si tratta di un brutto caso di omicidio premeditato. Potrebbe essere una sfida interessante per dei vecchi segugi come noi.

Watson: Che palle, ma non vedi che è solo un’altra zanzara morta?

Holmes: Elementare che sia morta, Watson. Il vero dilemma ora sarà scoprire qual è stata l’arma del delitto e successivamente stanare il colpevole ed assicurarlo alla giustizia.

Watson: L’ho uccisa io prima con un giornale, Holmes.

Holmes: Lei, Watson? Non avrei mai creduto che un individuo rispettabile come lei si sarebbe abbassato a compiere un crimine così spregevole! Ora sarà mio doloroso compito quello di consegnarla alle autorità!

Watson:

Holmes:

Watson: Non riesci proprio ad accettare che sei in pensione eh?

***

Homes: Watson, venga, presto! Guardi, guardi dalla finestra! Lo vede? Vede quell’uomo giù in strada? Sta compiendo un omicidio!

Watson: E’ il postino, Holmes. Sta consegnando la posta.

Holmes: Sono sicuro di averlo visto estrarre una pistola da quella grande borsa nera che porta con sé!

Watson: Impossibile, ti sarai confuso.

Holmes: Ma no, ne sono certo! Bando agli indugi, scendiamo giù e cogliamo con le mani nel sacco quella subdola mente criminale! Scotland Yard ci sarà riconoscente!

Watson:

Holmes:

Watson: Ultimamente mi inquieta un pò dormire sotto lo stesso tetto con te.

***

Holmes: Watson, accorra, presto! Sta avvenendo un omicidio giù in strada! Proprio sotto ai nostri occhi!

Watson: Ma che cazzo..

Holmes: Guardi, lo vede? Vede quell’uomo vicino al lampione? Ha un pugnale in mano, e sta accoltellando il corpo di un povero disgraziato riverso sulla strada!

Watson: Accidenti Holmes, questa volta hai ragione! Presto, andiamo ad acciuffarlo!

Holmes: Ma.. Veramente io.. Non so se sia il caso..

Watson: Che c’è? Perché non ti muovi? Santo cielo, quel poveretto potrebbe essere  ancora vivo, presto! Dobbiamo catturare quel delinquente e salvare una vita umana!

Holmes: Ma..

Watson: Dannazione, Holmes, cosa diavolo ti prende? Ogni secondo che passa è prezioso! Mi vuoi dire cosa c’è che non va?

Holmes: E’ che.. Fuori pioviggina, e fa anche freddino.. Non potremmo aspettare che esca il sole?

Watson:

Holmes:

Watson: Da quand’è che non prendi più sul serio questo lavoro?