Archivi tag: incazzosa

Non fatemi piangere, cattivoni :-(

Caro Lettore Scontento,

sei giunto su questo blog non si sa tramite quale assurda ricerca o combinazione di link. Magari stavi semplicemente tentando di trovare le qualità della faina di montagna per una ricerca scolastica (e, in tal caso, meglio per te se molli gli studi e vai a lavorare), o magari cercavi qualche foto di Belen Rodriguez col culo di fuori (ammettilo, anche tu ti masturbi, non devi vergognarti), oppure più semplicemente sei uno di quegli squallidi individui privi della benché minima capacità artistica che si ostinano a visitare i blog altrui ribollendo di rabbia perché si rendono conto che nella loro misera vita non riusciranno mai a produrre alcunché di altrettanto valido e perciò si permettono di rompere i coglioni un po’ qua e un po’ là nella vana speranza di raccogliere consensi da altri squallidi individui e di sentirsi un po’ meno soli, la notte, quando saranno nel loro lettuccio a ripensare alla giornata appena trascorsa.

Caro Lettore Scontento,

non mi interessa il tuo parere. Non mi interessa nemmeno se hai il blog più seguito del web, non me ne frega un cazzo se hai la tua pagina personale su Wikipedia, me ne sbatto se su Technorati hai un’authority di 682, o se ricevi un centinaio di commenti a post. Puoi pure essere il blogger più famoso sulla faccia della terra, ma stai certo che se la tua SANTISSIMA opinione fosse carta da cesso la userei per pulirmi il culo per tutta la vita.

Caro Lettore Scontento,

non ti piace quello che scrivo? Ti ritieni offeso dalle mie parole? Non condividi le mie opinioni? Non c’è problema, Internet E’ GRANDE e piena di ALTRI siti (semplice concetto che molti rosiconi tendono a dimenticare, forse per via della ridotta capacità cerebrale), per cui ti invito caldamente a cliccare sull’immagine della casetta che vedi lì in alto a sinistra, tornare su Google, e cercare qualcosa tipo “Faina Incazzosa non mi piace adesso vado a piangere dalla mamma”.

Caro Lettore Scontento,

so cosa stai per scrivere. So che vuoi rispondere in maniera arguta, spiazzandomi e usando tutti gli elementi possibili e immaginabili a tuo favore per mettermi in ridicolo e dimostrare che quello che ho scritto finora è una massa di cazzate. So che andrai a scavare nel passato, che tirerai fuori argomentazioni ponderate e inattaccabili, che mi inviterai ad andare a farmi fottere e che userai OGNI MEZZO a tua disposizione per mettermi in ridicolo. Bene, fai pure: nel frattempo MI FACCIO UN SONNELLINO e vado avanti a vivere la mia vita. E a scopare tua mamma. O sorella, se la mamma ti è morta. O ragazza, se ti è crepata anche la sorella. O il tuo cane, se non hai la ragazza. Se non hai neanche il cane, ucciditi.

Caro Lettore Scontento,

con questo non ti sto chiedendo di non esprimere il tuo commento, anzi, sentiti pure libero di esternare il tuo giudizio quando e come vuoi.

Ma possibilmente sotto forma di carta da cesso.

blog_ferilli08-gossip.jpg
Sabrina Ferilli mostra la sua approvazione per Faina Incazzosa

 

Letterine n.7

email.jpg1. Caro Faina, per Natale la mia fidanzata mi ha regalato uno scopettino per il cesso. Come devo interpretarlo?    (Luca, Napoli)

Caro Luca, lo scopettino per il cesso è un regalo molto popolare tra le popolazioni dell’Indonesia occidentale, quindi, se la tua ragazza ha origini indonesiane, ti consiglio di ringraziarla caldamente. Altrimenti comincia a riflettere seriamente sul fatto che il vostro rapporto sta prendendo una brutta piega.

2. Caro Faina, da qualche giorno cago roba verde. Che significa?    (Andrea, Forlì)

Fai testamento.

3. Caro Faina, sto pensando di aprire un blog. Qualche consiglio?    (Claudia)

Certamente. Ti consiglio di usare la parola “tette”, “figa”, “sesso”, anche a casaccio, l’importante è che ci siano. Inserisci foto di belle gnocche. Prenditela con il governo. Lecca il culo per farti linkare. Ogni mese fai una lista con le tue chiavi di ricerca buffe. Inserisci qualche banner simpatico. Linka solo chi ti linka a sua volta. Sii sempre modesta e ringrazia tutti e dichiara che sono tutti più bravi e competenti di te, anche se non è vero. Adora Chinaski e Livefast, anche quando scrivono cazzate, non importa, ricorda che hanno un Page rank di 5.

 

 

Il mastino dei Baskerville abbaia tutta la notte

sherlockholmes.jpg

Sherlock: Presto, Watson, accorra: ho svelato il mistero! Ho trovato la soluzione! Ho risolto l’arcano!

Watson: Eccomi. Che vuoi?

Sherlock: L’assassino ha usato una potentissima arma ad ampio raggio che emetteva lucenti bagliori azzurri, la quale ha spazzato via la vittima, disintegrandola in una miriade di piccoli frammenti.

Watson: Smettila di guardare Dragon Ball.

***

Sherlock: Watson, temo di non riuscire a risolvere questo caso. Forse dovremmo lasciar perdere. Andiamocene da qui e dichiariamo umilmente che questa immane prova era al di sopra delle capacità umane, evidentemente il genio del male che ha architettato questo diabolico omicidio è addirittura superiore a me. A malincuore devo riconoscere che il caso è assolutamente irrisolvibile.

Watson: E’ stato il maggiordomo, Holmes. Le telecamere di sicurezza l’hanno ripreso. Abbiamo visto il video cinque minuti fa. Non ricordi, Holmes?

Sherlock:

Watson:

Sherlock: E’ rimasta un po’ di cocaina?*

***

Watson: Holmes, sono due ore che sei in bagno. Che diavolo stai facendo?

Sherlock: La pista è ancora calda, Watson! L’assassino è stato qui pochi minuti fa!

Watson: Che stai facendo? Dimmelo!

Sherlock: Presto, Watson! La partita è cominciata!

Watson: Holmes, dimmi che fai o butto giù la porta.

Sherlock: Elementare, Watson, elementare!

Watson: Holmes, Cristo Santissimo, dimmi che cazzo stai facendo!

Sherlock: Non noti qualcosa di strano, Watson? L’arma del delitto è in una posizione piuttosto inusuale.

Watson: Odio quando non vuoi ammettere che ti stai facendo una sega.

***

*Questa è per intenditori di Sherlock Holmes.

***

hollyrh4.jpg
Nella foto: i tragici effetti dell’alcool sul fisico femminile.

Intervista a Valeria Marini

ValeriaMarini13.jpg
Nella foto: Valeria Marini impegnata intellettualmente.

Faina: Cara Valeria, grazie per avermi concesso questa intervista.

Valeria: Per te questo e altro, ciccino.

Faina: Non ti azzardare mai più a chiamarmi così.

Valeria: Okay.

Faina: Allora, Valeria, partiamo con una domanda sulla tua vita sentimentale: quali flirt hai? Chi è l’uomo del momento?

Valeria: Un negro grande e grosso che viene dal Congo. Credo che si chiami Jamal. Ce l’ha lungo tanto così. Vedessi che roba. Ma non voglio dire di più.

Faina: Sì, ti prego, fermati. Allora, Valeria, dichiari definitivamente chiusa la storia con Vittorio Cecchi Gori?

Valeria: Sì, ed è stata una separazione difficile. Ormai eravamo come dei passeggeri che prendono due treni con destinazioni diverse. Anime divise. Cuori separati. Gemelli estranei. Vittime di un destino…

Faina: Era in difficoltà economiche, lo sappiamo.

Valeria: Esatto.

Faina: Passiamo alla carriera televisiva. Raccontaci cos’hai in programma per il prossimo futuro. Continuerai a non fare un cazzo?

Valeria: Lo spero. Quest’inverno debutterò nelle sale cinematografiche nel nuovo film di Neri Parenti. Si intitola “Natale in Iraq”.

Faina: Un filmone.

Valeria: Esatto. Io recito nella parte di una prostituta che finisce a letto per sbaglio con Christian De Sica. Questo darà origine a una sfilza di situazioni comiche ed equivoci divertenti.

Faina: Una trama da urlo. Posso solo immaginare quanta fatica abbia dovuto affrontare il povero sceneggiatore.

Valeria: Esatto, ciccino. E poi nel film mostro le tette. Da non perdere.

Faina: Prenotami un biglietto. Ora, passando ad argomenti meno idioti, che ne dici di parlare di ambiente ed ecologia? So che sei molto attiva nella lotta contro l’inquinamento dovuto alle emissioni dei fumi delle fabbriche.

Valeria: E’ verissimo. Nell’ultima campagna pubblicitaria mostro le tette e urlo a tutti quanti di fermare le emissioni inquinanti.

Faina:

Valeria: Mostro le tette. Funziona.

Faina: Per fortuna che ci sei tu che salvi il nostro mondo, Valeria.

Valeria: Grazie tesoro.

Faina: Ero ironico.

Valeria: Iro.. cosa?

Faina: Lasciamo stare. Beh, che dire, cara Valeria? Spero che tu possa tornare presto a farci visita.

Valeria: Contaci, ciccino. Sarà un piacere.

Faina: Anche per me, se sarò già morto.

Valeria: Ha ha ha, sei proprio ironistico!

Intervista ad Angelina Jolie (e strizzata)

 

6c27d01ec6e402496fb1c5b6fa08337c.jpg Ieri ho incontrato Angelina Jolie. Se non ci credete, andate pure a visitare un altro sito, ad esempio www.sonounamerda.itCi tengo ad affermare che l’ho trovata per caso, mica ci eravamo messi d’accordo! Non è affatto vero che la stavo pedinando da due mesi appostandomi ogni notte sotto casa sua e spiandola con un cannocchiale, come sostiene il suo avvocato. Cristo, quanto odio quello stronzo del suo avvocato. Comunque.

La vedo per strada e le sorrido, così, per gioco, senza capire subito chi fosse. Lei mi sorride di rimando e passa oltre. Io faccio ancora qualche passo e poi di colpo realizzo che era proprio Angelina Jolie! Non faccio in tempo a realizzarlo che sono già venuto nei boxer.

Mi godo l’orgasmo e poi subito mi giro e le corro incontro, urlando a gran voce “Angelina, Angelina! Sono io, Faina! Angelina, sono io, Faina!”

Lei mi vede arrivare di corsa, urlando e gesticolando, e probabilmente pensa che sono un maniaco. Infatti, appena mi avvicino abbastanza, mi afferra per un braccio e con una complicata mossa di Karate mi sbatte a terra, schiantandomi il muso sull’asfalto.

Durante l’esecuzione della mossa di Karate, non cerco di difendermi. Il mio unico pensiero è “Angelina Jolie mi sta toccando il braccio! Angelina sta proprio toccando il mio braccio!”.

Il mio cervello, al contrario, sta pensando: “Ma stai attento idiota che tra poco schianti il muso.”

Io: “Ma chi se ne frega, la Jolie mi sta toccando il braccio, lasciamola fare!”

Cervello: “Il muso è tuo, fa come cazzo vuoi. Toccale una tetta almeno.”

Io: “Ottima idea.”

Riesco così a strizzarle una tetta durante la mossa di Karate, e in quel preciso momento capisco per quale motivo sono venuto al mondo. La vita, di colpo, ha un senso.

Cervello: “Spero ne sia valsa la pena.”

Io: “Sì, era bella soda, grazie.”

Cervello: “Adesso saluta i globuli rossi che ti stanno uscendo dal naso, coglione.”

Mi alzo in piedi con la faccia martoriata e, mentre perdo due litri di sangue dalle narici, riesco a convincerla che non sono un maniaco. Lei all’inizio non sembra credermi, forse perché mentre parlo continuo a fissarle le tette, ma alla fine sembra tranquillizzarsi. Decido così di chiederle se vuole concedermi un’intervista in esclusiva per il mio blog. Oppure una notte di sesso nella mia Punto. Decide che preferisce l’intervista per il blog. Eccovela qua.

Faina: Cara Angelina, partiamo con una domanda che tutto il mondo vorrebbe chiederti: cosa ne pensi del mio blog, “Faina Incazzosa”?

Angelina: E’ talmente bello che mi fa venire voglia di andare a letto con chi lo ha creato.

Faina: L’ho creato io.

Angelina: Prossima domanda?

Faina: Come va la tua vita coniugale con Brad Pitt? Voci confermate sostengono che Brad sia un transessuale sieropositivo, e che quindi dovresti divorziare subito da lui e tornare single.

Angelina: Non do credito alle voci su mio marito. Brad è un uomo straordinario, dolce e sempre disponibile, e inoltre è un ottimo padre per i nostri quattro figli, che lo adorano ogni giorno di più.

Faina: Sì, come no. Scommetto che li picchia di nascosto.

Angelina: Come hai detto, scusa?

Faina: Ho detto che vi auguro tanta felicità. Proseguiamo. Allora, Angelina, dicci un po’, a quali progetti stai lavorando al momento?

Angelina: Oh, ho un sacco di progetti in corso al momento. Sto girando un film con Steven Spielberg dove interpreto il ruolo di una cameriera divorziata, un altro film con Martin Scorsese dove interpreto la ragazza di un boss mafioso, e nello stesso tempo sono molto impegnata con il mio lavoro di ambasciatrice dell’ONU per aiutare i bambini poveri dell’Etiopia.

Faina: Ti va di interpretare il ruolo di una bella figa che va a letto con il suo intervistatore?

Angelina: I miei impegni cinematografici non me lo consentono.

Faina: Questa è la scusa che usano tutte quante per non venire a letto con me. Ma soprassediamo. Angelina, che misura porti di reggiseno?

Angelina: Una quarta.

Faina: E’ la tua risposta definitiva?

Angelina: Sì.

Faina: La tocchiamo?

Angelina: No.

Faina: Procediamo. Angelina, lei è arrivata al primo posto nella classifica delle donne più belle del mondo della rivista People. Ha dovuto offrire dei favori speciali ai giudici, o ritiene che sia bastata semplicemente la sua bellezza?

Angelina: Ritengo che abbiano scelto in base al mio aspetto esteriore, io di certo non ho offerto alcun favore sessuale a nessuno pur di arrivare al primo posto.

Faina: Io avevo parlato di favori speciali, non sessuali. Signora Jolie, si è appena sputtanata da sola. Lo ammetta, ha fatto sesso con i giudici di People!

Angelina: Non ho fatto sesso orale con nessun giudice io!

Faina: Ha-ha! Io non avevo specificato che tipo di sesso! E’ stata lei a dire sesso orale! Signora Jolie, si è fregata con le sua mani!

Angelina: Non è vero. Non ho praticato sesso orale con i giudici, né tantomeno sesso anale.

Faina: Ho sentito le parole sesso anale?

Angelina: Ti odio.

Faina: Grazie. Un’ultima domanda. Angelina, Se per caso un maniaco riuscisse a drogarla, legarla e portarla nel suo nascondiglio per imprigionarla, così da poter abusare ripetutamente del suo meraviglioso corpo, cosa ne penserebbe?

Angelina: Dov’è la porta? Me ne voglio andare.

Faina: Quale porta?