Archivi categoria: Prese per il culo

Eh no, mi spiace, sono senza spiccioli

Tra le varie mail che mi arrivano a volte qualche incauto mi chiede se perpiacere posso scrivere qualche pezzo da pubblicare sul suo sito. E fin qui non ci sarebbe niente di male, ma mi pare scontato che solo ed esclusivamente se apprezzo il tuo blog posso ritenermi incline ad accettare la tua offerta.

Se invece non ti conosco e non conosco il tuo sito e ovviamente non ne ricavo un cazzo, mi spieghi perchè diavolo dovrei perdere tempo prezioso a scrivere qualcosa di valido che tu userai per un tuo profitto?

Ah, ho capito: sei un ingenuo imbecille.

Da: Andrea S******

Ciao, complimenti per il blog, molto personale e davvero spassoso!

Se penso che ha scritto la stessa cosa ad un altro centinaio di blogger mi si contrae il buco del culo per la rabbia. La rabbia di sapere che la maggior parte di loro sono rimasti lusingati da questi complimenti del cazzo.

Io mi chiamo Andrea, sono uno dei gestori del sito Melemarce.com che fino al 2006 era uno dei siti umoristici più visitati d’Italia, decine di autori emergenti settimanalmente pubblicavano propri pezzi inediti, che insieme a rubriche originali di ogni genere ci permisero di essere contattati e recensiti da radio e tv. Ora, dopo anni di standby Melemarce ha riaperto, puoi dargli un’occhiata qui: www.melemarce.com.

A quanto pare io ho vissuto su Marte fino al 2006, dal momento che non avevo mai sentito parlare prima di Melemarce. Incredibile che io non conoscessi il sito umoristico più visitato d’Italia recensito da radio e tv e zeppo di rubriche originali.

Ancora non è completo in tutti i suoi contenuti ma contiamo entro settembre di renderlo di nuovo un punto di riferimento del web.

In bocca al lupo.

In questo esatto momento il nostro staff sta navigando in internet alla ricerca di validi autori da poter accogliere nella nostra grande famiglia.

“Accogliere nella nostra grande famiglia”? Ma cosa cazzo siete, la Chiesa Cattolica?

E quindi arrivo al dunque sperando di non averti già stressato: leggendo i tuoi post mi sono reso conto che avresti tutte le caratteristiche per poter collaborare con noi, cosa che non significa avere impegni ricorrenti o dover per forza pubblicare qualcosa a comando, ma rendersi disponibile a inserire contenuti inediti in maniera totalmente libera e non vincolante (…).

OH MIO DIO! IO??? PARLI DI ME??? IO AVREI TUTTE LE CARATTERISTICHE NECESSARIE?! PROPRIO IO!!!? E’ LA COSA PIU’ EMOZIONANTE CHE MI SIA MAI CAPITATA DA QUANDO LA MAESTRA IN SECONDA ELEMENTARE MI HA DETTO CHE HO UNA BELLA CALLIGRAFIA!!! UUUOOO!!!

Per essere subito chiaro ci tengo a sottolineare che in questo momento l’unico ritorno che ne avresti sarebbe di visibilità, e naturalmente di pubblicità gratuita al tuo blog con tua scheda personale e backlink mirato.

A dire la verità ho sempre sognato di avere una mia scheda personale e un backlink mirato sul sito di qualche altro coglione.

Pubblicità GRATUITA! Baclink MIRATI! Scheda PERSONALE! Questo tizio deve aver preso una laurea breve in Marketing se sa utilizzare così bene certi sofisticati trucchetti pubblicitari che dovrebbero sedurmi e convincermi ad accettare la sua proposta! (e nel contempo vendere la mia dignità a una puttana marocchina sifilitica) Mio dio, ho a che fare con un cazzo di genio!

A questo punto sarei tentato di accettare, ma non mi sembra di aver letto da nessuna parte la seguente frase: “inoltre riceverai cento euro per ogni articolo che ci proporrai”. Peccato.

Melemarce nasce come unica proposta impegnata in Italia di umorismo creativo originale, parteciparvi è una scelta goliardica e magari il presupposto per un ottimo trampolino di lancio (cosa che nel tuo caso so non essere necessaria)  😉

Questa leccata di culo finale è talmente vergognosa che farebbe impallidire persino Emilio Fede.

Ok, detto tutto, non ti faccio perdere altro tempo e rimango speranzoso in attesa di una tua risposta positiva.

Caro Andrea, la mia risposta è ovviamente negativa, ma preferisco esprimerla in un modo più comprensibile per te:

“Pubblicità GRATUITA? Baclink MIRATI? Scheda PERSONALE? Pubblicizzati da RADIO E TELEVISIONE? Sito umoristico tra I PIU’ VISITATI D’ITALIA? Rubriche ORIGINALI di OGNI GENERE? No grazie, ma VAFFANCULO!”

MTV sta stuprando la musica: tra un pò le viene in faccia.

A volte ti viene da fare qualcosa di terribilmente stupido senza alcun motivo -strapparsi i peli delle palle per vedere quanto male fa, tirare il freno a mano durante una curva a gomito per scoprire se in te vive lo spirito di un pilota di rally defunto-, e oggi è capitato anche a me: mi è venuto il bizzarro e malsano impulso di andare sul sito di MTV Italia.

Ci vado.

Clicco sulla sezione “Musica”.

Appena entro ho subito l’impressione che il mondo sia stato conquistato dai culattoni e che questi abbiano iniziato una campagna di omosessualizzazione globale per rendere il mondo un posto effemminato e decisamente più colorato del solito (sempre se il rosa in stile “evidenziatore che usava la tua compagna di banco in terza elementare” si può considerare un colore vero e proprio)

Ma tralascio la sfavillante (?) grafica del sito e, dopo aver volutamente ignorato le decine di foto in sequenza di (anonimi) cantanti britannici tutti vagamente somiglianti a un incrocio tra Tiziano Ferro e il ragazzino della Kinder, mi dirigo verso la sezione “Hot Artists – Artisti del momento”.

bambinokinder.jpg

E qui capisco perchè gente come Morgan riesce a finire in tv. E venire pagata per farlo.

Gli “artisti del momento”, secondo MTV, sono i Gorillaz. Sono i 30 Seconds to Mars. Sono i dARI.

Gruppi il cui unico punto di forza -se così si può definire- è quello di aver scelto un look, o un modo di presentarsi, o dei nomi che colpiscono l’immaginazione sterile e appassita del ragazzino medio che ascolta musica pop.

Il che ovviamente pone in secondo piano il fatto che la loro musica si assesti su un livello qualitativo molto vicino a quello di un bambino di tre anni che sbatte ritmicamente un trenino giocattolo sul pavimento urlando Gneee.

I dARI. Con la “di” minuscola e le altre lettere in maiuscolo. GENIALE E ANTICONFORMISTA. Un raffinato espediente stilistico che attira le ragazzine di tredici anni ai loro concerti quasi come i perizomi colorati di pizzo attirano uomini arrapati molto più di quanto non facciano delle mutande bianche di cotone.

0011.jpg

<<Oooohhhh guarda ci sono i dARI che suonano alla Sagra della Martora questo venerdì!!!>>

<<Scrivilo subito sulla tua agendina rosa di Hello Kitty!>>

<<Fatto!>>

<<Aaarrgghhh! Hai scritto il loro nome con la Di maiuscola!!!>>

<<Nuuuoooo!!! Orrore!!! Non me lo perdoneranno mai!!! Ora non potrò più sperare di succhiare i loro uccelli emopunk/electroglam una volta finito il concerto!>>

<<Emopunk Electroglam? Che cavolo stai dicendo?>>

<<E’ il nome del loro stile musicale! Non lo sapevi?>>

<<No io non ho mai ascoltato le loro canzoni perchè l’audio del mio televisore non funziona ma adoro il loro video!!! Sono così cariniii!!!>>

Ringraziamo MTV Italia perchè sta creando una generazione di piccoli mostri che, a differenza delle persone normali, riescono a non sanguinare dalle orecchie quando Lady Gaga canta.

Celebrità che muoiono: incrociamo le dita per Enrico Papi

E’ una mia impressione o nell’ultimo anno sono morti un gran numero di personaggi famosi?

 

Naturalmente tutto ciò è fonte di gioia e sollievo per me (vedere questi pagliacci che schiattano uno dopo l’altro mi fa sempre tornare il buonumore), e per celebrare degnamente un’annata così fortunata e incoraggiante ho deciso di stilare una simpatica lista delle celebrità crepate da un anno a questa parte, completa di utilissime annotazioni sulla loro oramai defunta carriera artistica.

 

Pietro Taricone (4 febbraio 1975 – 29 giugno 2010)

 

taricone_pietro.jpg

 

Lo ricordiamo tutti perché ha partecipato alla prima edizione del Grande Fratello (quando ancora noi comuni mortali eravamo convinti che i reality sarebbero stati una cosa buona e giusta per l’Italia), classificandosi al terzo posto dopo altri due emeriti coglioni.

 

Ma credete forse che la sua carriera nella tv sarebbe finita così miseramente?

 

Certo che no, ed ecco che il nostro intrepido eroe si è lanciato con vigore nel mondo dello spettacolo partecipando a serie televisive di alto livello quali Distretto di polizia, Codice rosso e Tutti pazzi per amore.

 

Ah, sì, ha anche posato nudo per il mensile Max.

Il che la dice lunga sulla sua carriera di attore.

 

Ricordate: quando un tizio o una tizia del mondo dello spettacolo posano per un calendario, significa che non sono in grado di recitare.

E, se li vedete partecipare ad una fiction dopo aver posato senza veli, sappiate che sono là solo perché hanno avuto la fortuna (?) di ritrovarsi con un fisico apprezzabile. Di certo non hanno ottenuto il ruolo grazie alla loro abilità interpretativa.

 

Manuela Arcuri recita e non lo sa fare: calendario.

Elisabetta Canalis recita e non lo sa fare: calendario.

Costantino Vitagliano recita e non lo sa fare: calendario.

Alessia Marcuzzi recita e non lo sa fare: calendario.

Mio dio, potrei continuare a lungo. Purtroppo.

 

(Jack Nicholson ha mai posato per un calendario?

La difesa non ha altre domande, vostro onore.)

 

Unica nota apprezzabile: ora la sua compagna, Kasia Smutniak, è tornata disponibile sul mercato. E’ sempre bello sapere che c’è una modella polacca single in più a questo mondo.

 

kasia smutniak.jpg

 

Patrick Swayze (18 agosto 1952 – 14 settembre 2009)

 

patrick swayze.jpg

 

Lo riconoscete?

 

Sì, è proprio lui: il fantasma del celebre film Ghost, la toccante storia d’amore eterno che ha commosso un’intera generazione.

 

O forse lo identificate meglio con il giovane e sensuale ballerino protagonista del romanticissimo Dirty Dancing?

 

In qualunque caso, siete gay.

 

 

Farrah Fawcett (2 febbraio 1947 –25 giugno 2009)

 

farrah_fawcett.jpg

 

Gli unici due meriti che si possono attribuire a Farrah Fawcett sono, nell’ordine:

 

1 – Aver recitato nella serie televisiva degli anni settanta Charlie’s Angels

 

2 – Aver posato per Playboy

 

Naturalmente vale la pena ricordare solamente una di queste due cose, e mi sembra ovvio che l’impresa che merita maggiore riconoscimento è quella che ha visto coinvolte le sue tette e una macchina fotografica.

 

 

Brittany Murphy (10 novembre 1977 –20 dicembre 2009)

 

brittany_murphy.jpg

 

Probabilmente questo nome non vi dice molto, ma se io vi dicessi che questa è l’attrice che si faceva scopare da Eminem in 8 Mile e che faceva la parte della puttanella svampita in Sin City, cosa vi viene in mente?

 

Esatto, che era più brava a mostrare il culo che a recitare.

 

Nonostante tutto, una biondina solleticacazzi come lei ci mancherà.

 

Hollywood è già in cerca di una sostituta. Requisiti: disponibilità a girare scene piccanti e a recitare la parte della ragazza bellissima e disinibita che per qualche strana ragione finisce per scoparsi dei teenager sfigati.

 

Il che è esattamente quello che cercavano per Transformers quando hanno scelto Megan Fox.

 

transformers_2_megan_fox.jpg

 

Mike Bongiorno (26 maggio 1924 –8 settembre 2009)

 

mike-bongiorno.jpg

 

Quale italiano che si rispetti non conosce Mike Bongiorno?

Un italiano fortunato, senza dubbio.

 

Come descrivere Mike Bongiorno?

 

Beh, si può dire che Mike è stato per la televisione quello che Vasco Rossi è per la musica: un rompicoglioni che da una ventina di anni fa sempre le stesse cose e non si decide mai ad andare in pensione.

 

Entrambi ovviamente ci “regalano” (o regalavano) costantemente qualcosa di nuovo: nel caso di Vasco si tratta di una canzone sentimentale sul genere “Quanto dura è la vita ma non bisogna mai perdere la speranza perché c’è sempre una bella donna che si innamorerà di te” o stronzate simili, nel caso di Mike si trattava di un nuovo, eccitante e incredibile programma televisivo che vedeva lui come conduttore.

 

Conduttore di cosa?

Ma chi cazzo se ne frega, l’unica cosa che contava è che al timone della trasmissione ci fosse lui, bello pimpante e pronto ad esclamare “Allegria, amici ascoltatori!” ogni volta che la regia avesse inquadrato il culo in movimento di una valletta slovacca scelta personalmente da Antonio Ricci dopo un estenuante provino a base di pompini.

 

Mike, ci manchi. La tua presenza era indispensabile. Soprattutto perché su Rete4  è rimasto solo Emilio Fede a leccare il culo a Berlusconi, e si sa che a Mediaset è obbligatorio che vadano in onda come minimo due leccaculo professionisti per ogni canale.

 

 

Ronnie James Dio (10 luglio 1942 – 16 maggio 2010)

 

ronniejamesdio.jpg

 

Conosciuto e apprezzato dal grande pubblico principalmente per aver militato nella nota band heavy metal dei Black Sabbath.

 

Cosa dire su un rocker di tale fama?

Beh, non saprei, io non ascolto la musica di persone che si vestono di nero e che si riempiono di borchie fin sui coglioni e che strabuzzano gli occhi e urlano stronzate con voce rauca quando cantano e che si dimenano come indemoniati impugnando il microfono come fosse un cobra reale pronto a mordere e che si lasciano crescere i capelli fino al culo senza lavarseli per mesi.

 

 

Michael Jackson (29 agosto 1958 – 25 giugno 2009)

 

michael-jackson.jpg

 

Ed eccoci arrivati al re del pop.

 

O, per meglio dire, il “Tizio Che Una Volta Era Negro Ma Poi E’ Diventato Bianco E Si E’ Rifatto Il Naso E Abusava Dei Bambini”.

 

Su Michael Jackson si potrebbe scrivere un libro, tante sono le stranezze che hanno caratterizzato la sua vita: gli strani abiti scintillanti e bizzarri che indossava, gli scandali legati alla pedofilia, il suo viso cadaverico e deformato dai ripetuti interventi di chirurgia plastica, l’incredibile successo ottenuto da quella cazzata di Thriller.

 

Basta pronunciare le parole “Michael Jackson” perché a qualsiasi persona vengano in mente sempre e solo due cose: il moonwalk è la prima; la seconda è l’immagine di Michael che si fa accarezzare il pisello da un ragazzino di otto anni. Ma soprattutto il moonwalk.

 

Ah, Michael, come facevi tu il moonwalk non c’era nessuno. Avrei accettato di venderti mio fratello minore se solo poi tu mi avessi insegnato quel meraviglioso passo di danza. E’ un rimpianto che mi porterò dentro per tutta la vita.

 

 

R.I.P.

 

 

Mussolini non fu un dittatore, e l’erba non è verde.

piazzale-loreto.gif

 

A scuola mi hanno sempre insegnato che il fascismo è male e che Mussolini era un cattivo ragazzo, ma a quanto pare i miei professori non avevano la stessa cazzuta cultura della gente che frequenta Cuore Nero.

 

1. http://cuorenero.forumer.it/about373-cuorenero.html

 

ragazzi una domanda per voi cosa ha fatto di bene e di male mussolini nei 20 anni di dittatura romana????? e cosa non avreste fatto voi al posto suo????e per voi in questa società si potrebbe instituire di nuovo un regime fascista?????

luca di roma fondatore del movimento giovanile di roma ANIME RIBELLI

 

Domande più che legittime, cristo! E quale posto migliore per trovare risposte imparziali e obiettive se non su un forum frequentato da giovani esaltati che si masturbano pensando al simbolo di Forza Nuova?

 

Dici di essere fascista… he… tu stesso la chiami DITTATURA… bella pubblicità che ci fai…

 

Oh, concetto interessante. Quindi suppongo che NON chiamandola dittatura non ci sia più pericolo che possa essere vista come una cosa negativa.

 

<<Che ne pensi della dittatura fascista?”>>

<<Ehi ehi, piano con le parole! Chiamalo “L’allegro governo fascista”>>

<<Hai ragione, suona meglio>>

 

quella forma seria, rispettosa, ordinata e coerente del governo del grande Mussolini ha solo fatto del bene al nostro paese…basti pensare che è stato l’unico governo a tener l’Italia in attivo

 

L’unico governo a tenere l’Italia in attivo??? E l’impero romano dove cazzo lo lasciamo??? Eravamo padroni dell’Europa a quel tempo! Altro che fascismo! Torniamo a indossare sandali e toghe e a ridere di Russel Crowe che viene mangiato dai leoni nell’arena. Quella era vera grandezza.

 

cmq nessuno dice che MUSSOLINI non abbia fatto del bene all’ITALIA anzi fu secondo me la cosa più bella che capito ad essa… riportando il nazionalismo e il patriottismo agli italiani…

e cmq il fascismo fu una dittatura una splendida dittatira….

 

La cosa più bella che capitò all’Italia fu Mussolini. Suppongo che Tiziano Ferro sia la seconda.

 

secondo me il DUX è stato l’uomo che ha fatto più bene per l’Italia, in assoluto. ma un suo errore è stato avvicinarsi ai tedeschi, che fra l’altro è stato l’unico motivo per cui è durato vent’anni e non cinquanta: entrare in guerra. L’Italia non era pronta, come si è visto persino in grecia…figurati gli stati uniti, l’inghilterra, o la russia. se ci fossimo fregati dei nazisti saremmo ancora sotto il gran regime…che secondo me può ritornare…e cmq una dittatura ferrea com’era allora è mille volte meglio della repubblica floscia che abbiamo adesso…

 

“Se ci fossimo fregati dei nazisti”.

Facile come bere un bicchier d’acqua.

O come guardare fuori dalla finestra e fregarsene di quel grosso aereo di linea che sta precipitando dritto dritto sul tetto di casa tua.

Lo spauracchio nazista che dilaga in Europa? La Germania di Hitler che usa la forza per occupare altri stati? Lo sterminio degli ebrei?

Bastava fregarsene.

 

be anche secondo me un grande errore fu entrare in guerra ma PURTROPPO l’italia fu costretta a scegliere tra la grande armata di hitler che in quegli anni aveva distrutto mezz’europa o mettersi contro questa mega potenza… cmq con il senno di poi. dopo la morte del grande MUSSOLINI i successori sarebbero stati all’altezza???? o avrebbero rovinato soltanto quel bellissimo ideale??? e poi a quest’ ora avremmo come re QUELLO SCHIFOSO di vittorio emanuele secondo che secondo me avrebbe buttato ancora piu giù quest’italia ( vedi tutte le sue inchieste)…

Pensate, Vittorio Emanuele II a capo dell’Italia. L’abbiamo scampata bella.

 

sta di fatto che il regime era una cosa magnifica, ed è un peccato che non ci sia più. dico anche, che se il DUX fosse vivo adesso, secondo me vorrebbe che il suo regime ed il suo sogno rinascesse. e perchè non è possibile? io credo ancora che con forza e mano dura è possibile arrivare in alto e nominare un successore del primo e glorioso DUX. è così che la sua memoria non morirà mai, se il suo ideale viene portato avanti con lo stesso vigore e la stessa fierezza che egli riusciva ad infonderci. è possibile! e se è possibile, perchè non lottare per questo sogno? perchè non combattere per resuscitare la speranza del regime romano?

 

E’ confortante sapere che gente con simili idee vaga libera per le strade. Persone così palesemente ignoranti e incoscienti, teste vuote senza uno straccio di dignità o capacità critica personale, pecore che si limitano a seguire il gregge senza chiedersi il perché e che senza opporre alcuna resistenza si lasciano sedurre da una propaganda criminale che gli viene inculcata in testa da gente ancor più ignorante e incosciente di loro.

E non sto parlando solo degli elettori di Berlusconi.

 

Tra le molte cose buone fatte, indubbiamente le opere di bonifica, la rete di inftrastrutture stradali (che oggi sono ancora in uso), le strutture fognarie, il miglioramento dell’economia (ricordiamo che al tempo c’era un’economia molto più chiusa rispetto a quella moderna), allearsi al nazionalsocialismo tedesco di cui dovremmo considerarci fratelli, ecc. ecc.

Onestamente le cose buone sono troppe per poterle elencare tutte.

Tra le cose negative di sicuro non annovero la strategia militare, la scarsa spesa in fatto di ricerca e di mezzi, nonostante, e ripetiamolo nuovamente, in Italia ci siano grandi menti.
L’errore a mio avviso non è stato l’entrare in guerra, quanto l’entrarci con mezzi non adeguati e scarsa sussistenza logistica agli uomini impiegati.
Possiamo elencare innumerevoli atti di coraggio in cui gli italiani si sono distinti nonostante la mancanza di tante cose indispensabili, alle volte anche di scarponi…

 

Io tra le cose negative avrei aggiunto anche le leggi razziali. Ma capisco che sono una cosa di poco conto rispetto alla toccante storiella dei poveri soldatini italiani che vanno in guerra senza gli scarponi. Sigh.

 

CREDO A SCHIERARSI CN HITTLER..ANKE SE CONDIVIDO IDEALI NAZISTI E LA MIA BIBBIA è IL MINE KAMPF CREDO KE NN DOVEVAMO SCHIERARCI CN I NAZISTI…POI DOVEVAMO METTERI I COMUNISTI NEI FORNI E NELLE CAMERE A GAS…NN IN ESILIO A PONZA A ISCHIA NELL’ISOLA DELBA…SEMBRAVANO + VACANZE CHE PUNIZIONI

 

LA MIAI BBIBIA E’ IL MINE KANNPFFF E MIO IL MIO DIO ESERE HITTTTLER E I COMUNNINSTI DOVRESSERO ESERE METTUTI ALLO  ROGGO E IN CAMERE DI GaS!!! SPEZEREMERMO LE RENNI E BOIO KI MOLA!!! HITLER 4EVER!!! DUX MIO LUxX!!

 

negli ultimi anni mi sono avvicinato sempre di più all’ideologia fascista e tuttora la apprezzo. Riguardo ad un ritorno del fascismo credo che i tempi non siano maturi, prima di tutto per come è stato marchiato il concetto di fascismo nel dopoguerra, gran parte della gente solo a sentirne parlare lo collega a qualcosa di negativo. Dunque il primo passo da fare sarà sradicare i pregiudizi, ammettendo anche gli errori che furono fatti specialmente per le circostanze storiche di quegli anni (la violenza squadrista nacque come reazione al biennio rosso per non parlare dell’influenza tedesca sulle leggi razziali)

 

Ma questa gente, sul serio, che cazzo di libri di storia legge? E soprattutto, che cazzo di conclusioni ne trae?

La violenza squadrista nacque come reazione al biennio rosso. A parte che è un’interpretazione palesemente di parte, ma allora?  Anche se fosse andata così, questo basterebbe a giustificare il fascismo e ciò che comportò?

Giuro che la mente bacata di certi imbecilli mi fa più paura dell’idea di diventare impotente. Simili coglioni, una volta cresciuti, diventeranno cittadini “attivi” in un paese già preso male di suo, e per colpa loro e della loro mentalità da bulletti di terza media io continuerò a dover sopportare un governo di destra xenofobo e conservatore che sta rovinando milioni di persone e peggiora progressivamente la qualità della vita.

Ops, scusate. Troppo serio? Troppa realtà tutta in una volta?  Rimediamo subito, non abbiate paura: figa, tette, culo, yuppy! Andiamo a guardare il Grande Fratello, dai.

 

Chissà cosa ne pensano questi malati figli di puttana della tragica morte del loro grande eroe Benito?

 

2. http://cuorenero.forumer.it/about107-cuorenero.html

 

Il 29 aprile i cadaveri di Mussolini, della Petacci e dei fucilati di Dongo vennero trasportati a Milano ed esposti alla pubblica vista in piazzale Loreto. Appesi per i piedi al tetto di un distributore di benzina, i cadaveri penzolarono per tutta la giornata, di fronte a una folla esacerbata e tumultuante.

 

Leggendo quest’ultima frase mi si è scaldato il cuore.

 

A morte le vili e infami associazioni partigiane esistenti tutt’ora in Italia!
Mussolini eroe e padre di tutti gli Italiani!
ONORE A MUSSOLINI BENITO!
PARTIGIANO BASTARDO PERVERTITO!

 

Tanta grazia e pacatezza mi lasciano basito.

 

Partigiani bastardi,pervertiti,e sukkia…..beep aggiungo io:ma comunque,quelli ke hanno compiuto quell’ignominia,stanno bruciando nelle piu’ calde fiamme dell’inferno capeggiati da quell’illustre “signore”di nome sandro pertini….(la minuscola e’VOLUTA)

 

Se non avesse specificato che la minuscola era voluta avrei anche potuto pensare che l’autore del messaggio fosse un deficiente.

Ma d’altronde lo penso lo stesso.

 

Hanno ballato sui loro corpi e sputato sui loro nomi (Claretta e Ben – 270Bis)

A volte penso se sia davvero giusto continuare a perseguire questi miei ideali, penso di non avere coraggio, ma quando vedo il solito “letamaio rosso” gettati per strada a bere vino e fumare droga rovinando l’immagine del centro storico e della citta stessa, dell’Italia e dell’Europa intera, allora prendo forza e mi dico che bisogna ancora lottare per un paese migliore, e il Duce voleva questo…

 

Questo tizio ha un’immagine davvero pessima dei comunisti.

“Letamaio rosso!”

“Gettati per strada a bere vino e fumare droga!”

E per fortuna non ha accennato alla loro insana passione per gli Articolo 31.

 

Grazie ai partigiani, l’Italia si è salvata dalla piaga fascista, e mussolini è stato trattato come meritava, ovvero sgozzato come un porco.

 

Una luce, in fondo al tunnel. Ma le reazioni contrarie non tardano ad arrivare.

 

con quale arcano criterio di giudizio affermi una tale assurdità..i partigiani sono i traditori dell’Italia…il grande Mussolini ha reso il nostro paese vivibile in tutti i sensi, se hai un lavoro ed una pensione ricordati di ringraziarlo ogni mattina prima di affermare tali oscenità…questa è solo una delle grandi cose che ha fatto x noi

 

Capito? Ringraziatelo per il lavoro e la pensione, è tutto merito suo. E non dimentichiamo di ringraziarlo per le bonifiche e le infrastrutture stradali.

Ma soprattutto le bonifiche eh!

E’ strano, ma di solito quando chiedi a un fascista che cosa abbia fatto di buono Mussolini per l’Italia, una delle prime risposte che ti arrivano è quella cagata delle opere di bonifica.

Ti dicono: “Mussolini? Ha bonificato le Paludi Pontine!”, e poi, dopo qualche attimo di silenzio imbarazzato, si affrettano a dire: “E ha anche risollevato l’economia!”

Ma è indubbio che le bonifiche delle paludi sono sempre al primo posto nel cuore di ogni nostalgico fan di Benito.

 

ke bastardi i comunisti…ridurre cosi un uomo che aveva fatto diventare l’italia il piu grande paese del mondo

 

Ma per fortuna che poi l’abbiamo vinta lo stesso la seconda guerra mondiale, eh?

 

Finche mussolini costruiva opere ed effettuava riforme stava bene a tutti,poi nel momento di difficolta gli italiani hanno abbandonato la nave ripudiando l’uomo che fino a un anno prima veniva glorificato e marmorizzato…i romagnoli sono passati da fascisti a comunisti in un paio di mesi…bello schifo…DUX vivi!!!

 

Proprio perché stavo così simpatico a tutti aveva bisogno di instaurare una dittatura e indottrinare la gente con cinema e stampa e radio e censurare ciò che metteva in dubbio la sua autorità e usare la violenza per mantenere il controllo e isolare i liberi pensatori e far ammazzare gli avversari politici… Come si fa a non amare uno così? Maledetti romagnoli, che dio vi fulmini.

 

Ma questo gruppo di pagliacci vestiti di nero che hanno imparato tutto sul fascismo semplicemente leggendo i motti scritti qua e là nei cessi della stazione, cosa pensano veramente di Mussolini? E’ il momento di scoprirlo:

 

3. http://cuorenero.forumer.it/about4-cuorenero.html

 

il miglior statista di tutti i tempi

 

Eh sì, è per questo che ha perso la guerra e ha rovinato l’Italia ed è finito ammazzato e lasciato a penzolare a testa in giù. Un vero genio.

 

E’ difficile definire Benito Mussolini me e’ filosofia di vita chiave x risolvere le situazioni piu’ difficili e di sconforto : quando ne ho bisogno metto in macchina un cd del ventennio e via a tutto gas

 

“Metto in macchina un cd del ventennio e via a tutto gas”

Conosco un modo più dignitoso per risolvere le situazioni di sconforto: suicidarsi.

 

mussolini è il duce e lo sara’ per sempre:quanto a loro bisogna isolarli e lasciarli nella loro ignoranza bastarda.Io rispetto le idee altrui ma soltanto quando sono costruttive non quando sono banali e orgasmate!!

CAMERATI A CHI IL MONDO e loro a grandissima e tumultuosa voce rispondevano tutti : A NOI!!!!!!!

 

Dev’essere così dannatamente esaltante vivere in un mondo fatto di luoghi comuni e frasi fatte. CAMERATI A CHI IL MONDO e loro a grandissima e tumultuosa voce rispondevano tutti: BANALI E ORGASMATE!

 

Per concludere, dopo una lunga ed accurata ricerca ho concluso che i miei professori erano degli ignoranti comunisti, che il fascismo è stato una manna dal cielo e che gli italiani erano tutti contenti, che i miei libri di storia riportavano informazioni errate, che Mussolini non aveva instaurato nessuna dittatura e che era il personaggio più amato che ci fosse, che grazie a lui l’Italia era diventata la nazione più grande del mondo, che i soldati italiani giravano senza scarponi.

 

Ah, sì, e che gli unicorni esistono.

 

Mussolini appeso per i piedi a Piazzale Loreto2.jpg

L’aborto è un tema delicato di cui è meglio non parlare, preferisco discutere di culattoni, negri e pedofili

aborto.jpgmid.jpg
Ecco l’ingrediente segreto dei panini di Mac Donald!
*

E’ difficile trattare un argomento delicato come l’aborto senza rischiare di offendere la sensibilità delle persone, ma ci proverò ugualmente: se un giorno mi capiterà di lasciare incinta una ragazza, giuro che sarò io in persona a ficcarle il manico di una scopa nella figa e a spingere fino a che non vedrò il feto che cade sanguinante sul pavimento.

 

(I miei genitori sono così fottutamente orgogliosi di me da quando hanno iniziato a seguire il blog.)

 

Aborto: la definizione che ne dà Wikipedia è “Interruzione prematura della gravidanza.” Ma è ovvio che il tizio che ha scritto quella pagina non ha mai scopato senza preservativo sul sedile posteriore di una macchina, altrimenti oggi potremmo leggere “Aborto: ecco cosa succede a usare gli ultimi 5 euro del sabato sera per prendere le Marlboro al posto dei Durex.”

 

Essendo un fervente sostenitore del sesso occasionale senza protezioni in compagnia di giovani fanciulle semisconosciute con cui ho diviso una canna cinque minuti prima, ho dovuto necessariamente farmi una cultura su svariati simpatici argomenti quali pillola del giorno dopo, calcolo del periodo fertile, aborto spontaneo e aborto provocato.

Ovviamente, come si può notare, questi metodi “contraccettivi” (haha) non comportano praticamente nessuna difficoltà per il maschio: in sostanza, non sono io quello che deve ingoiare una pasticca che potrebbe causarmi nausea e vomito e sanguinamento dagli organi genitali. Ah, buon dio, ecco uno dei motivi per cui è preferibile nascere con il pene!

 

L’aborto spontaneo si è rivelato un argomento molto interessante: una delle sue cause principali è l’abuso di droghe, alcool e farmaci!

Come a dire che se avete imbottito per bene la ragazza e volete togliervi dalla merda in fretta, teoricamente non basta far altro che farle bere due o tre litri di birra ogni sera, lasciarle sniffare un po’ della vostra ketamina, e darle cinque o sei aspirine al giorno! Ah, buon dio, i miracoli della scienza moderna.

 

Mi rendo conto che, dal punto di vista morale, l’aborto possa essere considerato come uno spietato omicidio ai danni di una creatura indifesa che non avrà mai la possibilità di scoprire le meraviglie che potrebbe offrirle la VITA, ma bisogna anche tener conto che se la creatura indifesa è stata concepita nel cesso di una discoteca da due esseri umani strafatti di skunk e vodka red bull, di sicuro la VITA che la aspettava non sarebbe iniziata sotto i migliori auspici.

 

“Oh, ma esiste sempre l’adozione! Ci sono centinaia di famiglie perbene che non possono avere figli e farebbero i salti mortali per avere un bambino!”, grideranno in tono indignato i più accesi sostenitori del miracolo della nascita, stringendosi al petto il pupazzo di Hello Kitty che hanno ricevuto per natale.

 

Okay, l’adozione.

L’adozione presenta uno svantaggio non trascurabile:

La ragazza deve gonfiarsi come una balena per nove mesi e poi partorire. Il che, onestamente, non è un problema mio: non sono io quello che deve ingrassare come un maiale e provare un dolore tremendo per sputare fuori la creatura.

Il punto è che, se la troietta partorisce, la gente suppone che da qualche parte nel mondo ci debba essere un padre che abbia gentilmente donato lo sperma. E questo è un problema mio: non è mai stato il sogno della mia vita quello di girare per strada e venire additato come l’idiota che ha lasciato incinta la ragazzina di turno. E’ già abbastanza impegnativo girare per strada e venire additato come il tizio che si fa di alcool e cocaina e va a sbattere addosso ai lampioni: non ho bisogno di ulteriori etichette, sono già abbastanza famoso dove vivo senza aggiungerci anche una paternità indesiderata.

 

La Chiesa condanna l’aborto. Incredibile, vero? E pensare che i cattolici sono persone dalla mente così aperta! Riescono persino a credere che una donna possa aver partorito rimanendo vergine!

Chissà cosa sarebbe successo se Maria avesse avuto un aborto spontaneo.

 

Giuseppe: Cos’è quella schifezza rossa sul pavimento?

Maria: Oh… Oh mio dio… Oh mio dio non è possibile…

Dio: MARIA, COSA CAZZO HAI COMBINATO?

Giuseppe: Ma quello… sembra… sembra un piede… e che possa morire fulminato se quella non sembra una mano… Oh cazzo… è disgustoso…

Maria: Io non volevo, io non…

Dio: MARIA! CAZZO, NON CI POSSO CREDERE! TI AVEVO DETTO DI SMETTERLA CON LA COCAINA!

 

(Spero che tutti i tredicenni che seguono il blog abbiano preso appunti. Ma è molto più probabile che i tredicenni che seguono il blog siano andati su YouPorn dieci secondi dopo aver cominciato la lettura del post.)

 

 

E’ fin troppo facile prendersela con i Tokio Hotel ma io sono abbastanza pigro da farlo ugualmente

Onestamente io credevo di aver sviluppato una discreta capacità di sopportare le schifezze del mondo.

 

Voglio dire, cosa poteva capitare di peggio all’umanità dopo i libri di Moccia?

 

Eppure, come spesso capita, scopro che non c’è limite al peggio. Mai.

 

Un brutto giorno succede che accendo la radio e sento i Tokio Hotel, poi accendo la tv e vedo i Tokio Hotel, e allora piango e chiedo perdono a Dio e lo prego di risparmiarmi e gli giuro che smetterà di bestemmiare e desiderare la donna d’altri, ma lui non mi risponde e se ne resta lassù a palpeggiare Madre Teresa e a farle i succhiotti sul collo quando Gesù non è nei paraggi, e allora io mi faccio forza e penso che se sono riuscito a superare la morte dei miei genitori (bruciati vivi in un cinema dato alle fiamme, davano l’ultimo film con Richard Gere, forse è stato un sollievo per loro) allora posso superare tutto e quindi respiro profondamente e penso al Nirvana e a un fresco campo d’erba e a gattini teneroni che giocano coi gomitoli e a Rossella Brescia che mi succhia le palle e in qualche modo riesco a calmarmi, e con decisione accendo il computer e vado su Internet alla ricerca di una fan fiction sui Tokio Hotel da poter smerdare sul blog e trovo questa tremenda secchiata di merda partorita da una mente malata che con tutta probabilità non ha una vita sociale degna di nota e si porta dietro un paio di aneurismi cerebrali che le fottono il cervello in maniera alquanto grave.

La morale è che se siete ancora convinti che in fondo in fondo le nostre vite hanno un senso, allora evitate di leggere ciò che segue: vivrete a lungo e felicemente e nulla turberà i vostri sogni.

In caso contrario proseguite con la lettura. Auguri.

 

NOTA BENE: Per chi non lo sapesse (beati voi) i Tokio Hotel sono un gruppo musicale sono un gruppo rock sono un gruppo sono dei ragazzini crucchi che fanno musica sono dei ragazzini crucchi che fingono di essere un gruppo musicale e che hanno avuto un immeritato successo (soprattutto tra le ragazzine adolescenti, che dio le fulmini) grazie a un paio di fortunate canzoni fortunate puttanate che i signori del male che governano il mondo si ostinano a chiamare canzoni, dimenticando che una canzone in quanto tale dovrebbe essere una forma d’arte, e se quella dei Tokio Hotel è arte allora Boldi e De Sica meritano l’Oscar alla carriera.

I due “leader” del “gruppo” sono fratelli, rispettivamente Tom e Bill Kaulitz. Una semplice foto di repertorio dovrebbe bastare:

 

url.jpg

 

Siete ancora vivi? Bene. Direi che si può cominciare.

 

 

Tom uscì dal camerino sbattendo la porta con una violenza inaudita.
Bill restò di sasso, con gli occhi spalancati, … raccolse le sue cose e raggiunse Tom sul pullman.
“Tom cos’hai?” gli chiese ancora stupito e sbalordito dal suo comportamento.
 “Odio quando fai così, cazzo!” rispose Tom con rabbia.
“Così come? Ma sei impazzito?” Bill continuava a non capire. Il concerto era andato benissimo, il pubblico era in delirio e tutti si erano divertiti. Bill era attonito, stava ripercorrendo con la mente ogni singolo episodio di quella serata, ma non riusciva proprio a capire.

“Tom cosa stai dicendo? Cosa ho fatto”
“In die Nacht, Bill, In die Nacht!” rispose Tom con la voce ancora piena di rabbia.

 

Cazzo Bill, In die Nacht! E’ così fottutamente ovvio! In cazzo die cazzo Nacht! Svegliati Bill, porca puttana!


“In di Nacht?” pensò Bill tra sé e sé. L’aveva cantata perfettamente, ne era sicuro. E poi, se anche mai avesse sbagliato qualche nota non era certo il caso di arrabbiarsi così. Bill iniziava ad essere confuso: “Tom vuoi spiegarmi per favore? Cosa non andava in “In die Nacht? Era perfetta…”
“Sì sì era perfetta” ribattè Tom “l’esecuzione era davvero perfetta Bill. Sì… grandiosa. Ma tu… tu… ti odio quando fai così. Mi umìli. Mi imbarazzi. Mi fai vergognare di essere tuo fratello.”

 

La trama si infittisce. Cosa sarà mai successo di così tremendo?


Bill guardava Tom con gli occhi spalancati, era impietrito e scioccato dalle parole che stava udendo.
“Mi fissavi” continuò Tom “mi sentivo i tuoi occhi addosso. Il tuo sguardo insistente, soffocante. Non ti sei accorto che io non ho mai alzato gli occhi dalla chitarra? Eh?! E sai perché? Perché ero imbarazzato. Perché sapevo che alzando lo sguardo avrei incrociato il tuo”.

 

Per quale motivo Bill dovrebbe fissare il fratello con così tanta insistenza? Onestamente mi è corso un brivido lungo la schiena al pensiero di scoprire la risposta.


“Ma… La canzone parla di noi, del nostro rapporto. E’ ovvio che io ti guardi”, rispose Bill.
“Ok dai, fingi di non capire. Tanto tu fai sempre così, l’hai sempre fatto…”
“Ma…” sussurrò Bill.
“Basta ora voglio dormire. Ne riparleremo a casa” lo interruppe Tom.
Per il resto del viaggio Bill guardò un punto indefinito fuori dal finestrino, mentre Tom dormì profondamente.
Quando finalmente furono a casa, da soli, Bill si immerse nell’acqua bollente della vasca da bagno per rilassarsi un po’, mentre Tom, ancora nervoso, cominciò a guardare la registrazione del concerto che avevano appena fatto.
Finito il bagno Bill, nudo con addosso solo un asciugamano legato intorno al bacino, raggiunse il fratello in salotto e si mise a sedere accanto a lui sul divano. Tom con una mano beveva una birra ghiacciata e con l’altra fumava nervosamente una sigaretta dietro l’altra.

 

Bill è nudo, tranne che per l’asciugamano. Bill è seduto a pochi centimetri da Tom. Bill ha la brutta abitudine di guardare Tom con insistenza quando canta una canzone che parla del suo rapporto con il fratello. OH CAZZO QUALCUNO MI FACCIA ESPLODERE IL FOTTUTO SCHERMO DEL FOTTUTO COMPUTER PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI VI PREGO FULMINATEMI LE CORNEE CAZZO.


“Offrimi una sigaretta per favore” gli chiese Bill.

 

Tipico approccio per abbordare.


Tom prese l’intero pacchetto e glielo gettò in malo modo.
“E adesso cos’hai?” gli domandò Bill seccato “i tuoi sbalzi d’umore cominciano a stancarmi.”
“Sbalzi d’umore?” rispose Tom “guarda questo!” e fece tornare la registrazione al punto in cui cantavano “In die Nacht”.
“Ancora con questa storia?” sbottò Bill.
“Stai zitto per favore e guarda” gli intimò Tom con cattiveria “guarda!” Perché mi fissi così? Voglio sapere perché! Non sembra una canzone, sembra una dichiarazione d’amore.
E alla fine addirittura piangi mentre ringrazi il pubblico. Perché Bill? Mio dio vuoi dirmi perché?! Ho vergogna di questo!”.

 

“Ho vergogna di questo Bill! Cazzo, Bill, ma ti sei fumato il cervello! Piangi come una fighetta sverginata! Bill, Bill, Bill, ma che cazzo, sono tuo fratello! Mi spaventi! Mi si rizzano i peli dell’uccello quando fai così, Bill!”


Mentre parlava Tom stringeva i pugni con forza ed era rosso di rabbia in volto. “Cosa cazzo hai fatto?” continuò “Hai pianto, mio dio, hai pianto! E mi hai guardato insistentemente. Ma non era amore fraterno. Sembrava passione, desiderio, voglia… Cos’era Bill…. Cos’era?”. Tom era in preda al delirio, mentre Bill era immobile, rigido, impietrito, frastornato… Non riusciva a parlare e i suoi occhi erano spalancati e gonfi di lacrime.

 

Ce l’avevi duro, Bill? Non vorrai dirmi che ce l’avevi duro, giusto? Brutto pervertito di merda, non ti azzardare nemmeno a pensarle certe cose!

 

“Basta Tom!” urlò finalmente Bill alzandosi di scatto dal divano “Basta! Taci! Non ti voglio più sentire! Stai dicendo un sacco di cazzate! Bastaaaaa!!!”. Bill era fuori di sé ed ora era lui che urlava. E anche lui era rosso in volto, ma più di vergogna che di rabbia.
 “Perché la devo smettere?” urlò Tom alzandosi anche lui ed afferrando il fratello per un braccio.
“Lasciami, mi fai male” gli disse Bill.
“Non m’importa se ti faccio male”

“Smettila!”
“Perché la devo smettere?” proseguì Tom. “Hai forse paura di quello che ti sto dicendo? Eh? Ti fa paura la realtà?”
“Non c’è nessuna realtà Tom. Stai dicendo solo cazzate. Cazzate.”.
“Cazzate…” sussurrò Tom calmandosi.
“Cazzate” ripetè Bill.
Erano di nuovo seduti, stanchi per il litigio.

 

Bacino e pace fatta.


“Non sono cazzate” riprese Tom a sorpresa “tu mi ami”.
“E’ ovvio che io ti ami, sei mio fratello”.
“Noo!” urlò Tom “tu mi ami come si dovrebbe amare una donna e non un fratello. E non puoi negarlo. Guarda! Guarda “In die Nacht”. I tuoi occhi sono pieni di desiderio. Tu mi vuoi, tu mi desideri come non hai mai desiderato nessuno! E non puoi negarlo… è tutto lì… in quel video… davanti ai nostri occhi”.
“Tom smettila mi fai paura quando parli così”.

 

No cazzo, qui l’unica cosa che fa paura è la psicopatica che scrive queste stronzate.

 

“No, non sono io che ti spavento. Sono i tuoi sentimenti a farti paura. E’ la realtà che non accetti. Abbi il coraggio di dirlo. Ormai l’hanno capito tutti. Sei solo tu che fingi di non capire. Tu mi vuoi! E io ti odio per questo! Sei mio fratello cazzo. Lo capisci questo? Io sono tuo fratello non sono la tua ragazza!”
Ormai Tom parlava in modo confuso, senza controllo, spinto dalla rabbia.
Bill piangeva, incredulo, ferito da quelle parole e dal modo violento in cui erano pronunciate.
Tom si sedette accanto a lui: “Non piangere” gli disse asciugandogli le lacrime “Non piangere ti prego”.
Bill non riusciva nemmeno a guardarlo negli occhi.

 

Un momento, si intravede una luce in fondo al tunnel! A quanto pare Tom ha messo le cose in chiaro e ha fatto capire a Bill che la sua malsana attrazione è una fetida porcheria che dev’essere stroncata sul nascere! Forse c’è ancora una fottutissimo speranza che questa storia si concluda con un lieto fine!


Tom gli accarezzò i capelli, poi gli prese il viso tra le mani, lo avvicinò a sé, e lo baciò sulle labbra.

 

Ecco, lo sapevo, vaffanculo.


Bill sussultò: “Cosa stai facendo?”
“Sssst…” gli rispose Tom mentre la sua bocca baciava ogni angolo del viso di Bill. Aveva gli occhi chiusi e con la lingua asciugava le lacrime che rigavano le guance del fratello.
“Anch’io ti amo Bill… Più di me stesso…”. La lingua di Tom leccava il suo viso con dolcezza.

 

“E fu proprio in quel momento che la madre di Bill e Tom, osservando i suoi strambi figli che limonavano sul divano del salotto, comprese che la soluzione più giusta era quella di infilarsi un fucile in bocca e farsi saltare il cervello.”


Bill avrebbe voluto ribellarsi, ma non riusciva. La lingua di Tom gli piaceva e vi si abbandonò, sdraiandosi…
Tom ora gli leccava il collo, e poi il petto, splendido e bianco, e poi il ventre, sodo e bello. L’asciugamano che Bill aveva intorno al bacino scivolò a terra e la lingua di Tom dal pube passò al suo membro caldo ed eccitato. Lo leccò ripetutamente, dall’alto in basso, e viceversa. Bill piangeva e gemeva di piacere.

 

Anch’io sto piangendo e gemendo. Di terrore.


Dopo alcuni minuti tornò seduto e, fissando Tom con amore, gli tolse il cappellino, poi la maglia e i pantaloni, ed infine i boxer.
Entrambi erano nudi… e bellissimi…

 

La mia eterosessualità non si è mai sentita così indignata.


Bill girò il fratello e la bocca calda e umida gli percorse dapprima la schiena e poi i glutei. Tom lo sentì da dietro avvicinarsi sempre di più e sentì la mano di Bill afferrargli il pene mentre, col suo membro eccitato, lo penetrava.

 

SWISH SWISH SWISH Oh cazzo Bill, In die Nacht! In die Nacht, Bill! SWISH SWISH SWISH La tua clava da crucco mi sta facendo impazzire! SWISH SWISH SWISH Nostra madre si sta infilando la canna del Winchester in bocca Bill! SWISH SWISH SWISH


Da dietro Bill, mentre spingeva il suo corpo dentro quello del fratello, gli sussurrava all’orecchio: “E’ vero Tom, io ti ho sempre amato e desiderato e ora, finalmente, ti ho fatto mio…”
Tom, piangendo, gli rispose: “Du bist alles was ich bin und alles was durch meine Adern fliesst….“.

 

Non oso neanche immaginare quale sia la traduzione della frase e sinceramente il mio istinto di conservazione della sanità mentale sta urlando a squarciagola di non azzardarmi a cercare su Internet il significato. Questa notte i miei sogni saranno già abbastanza tormentati.

 

59455761ir3fv4ql6.png
BUH!

 

 

Ecco un buon esempio di aborto mancato

IL MONDO VA A PUTTANE, QUESTO E’ UN DATO DI FATTO. IL TIZIO DEL VIDEO INIZIA A SCLERARE DI BRUTTO DAL 4° MINUTO IN POI: E’ ESILARANTE, ASSOLUTAMENTE DA VEDERE. IL MOCCIOSO E’ UNA PERLA RARA, UN PERICOLOSO CONCENTRATO DI ISTERIA, IGNORANZA, E INSODDISFAZIONE SESSUALE ADOLESCENZIALE.

QUALCUNO LO FERMI PRIMA CHE CRESCA E ASSUMA UN PROPRIO RUOLO NELLA NOSTRA SOCIETA’ CHE E’ GIA’ ABBASTANZA COMPROMESSA DI SUO!!!

KILL HIM!!!