Archivio mensile:novembre 2009

Tua madre ha una figa come il Grand Canyon

Kendra-Wilkinson-nude.jpg

 

La troia di tua madre fa pompini ai topi morti, ingurgitando litri e litri di sperma di ratto putrefatto dal sapore acido che le si accumula in quel fottuto stomaco da puttana e che la porterà ben presto a una morte dolorosa e disumana, già me la vedo che si accascia sul pavimento di quella baracca in cui vive, con gli occhi fuori dalle orbite e un filo di bava alla bocca, invocando aiuto pochi istanti prima di vomitare un enorme fiotto di sperma e sangue semicoagulato e crepare affogandoci dentro la testa; dopodiché entrano i casi tre albanesi puzzolenti e la trovano distesa sul pavimento, si rendono conto che il corpo è ancora caldo e decidono di farsela a turno, la spogliano e le aprono le gambe e le infilano il cazzo in quella sporca figa da prostituta deceduta, poi ci infilano dentro un coltello e lo rigirano fino a che tutto quello che resta della figa di tua madre non è altro che una poltiglia rosa spappolata, poi glielo sbattono in bocca e la afferrano per i capelli per muoverle la testa avanti e indietro simulando un pompino di quelli che le facevano guadagnare cinquanta euro quando era ancora viva, alla fine le vengono in faccia e il loro sperma le cola in bocca e le copre gli occhi privi di vita e le si infila su per le narici. Quanto vorrei che fosse ancora viva per vederla soffocare in quel mare di merda bianca e molliccia! Ma è soltanto una fottuta mignotta defunta e allora i tre albanesi puzzolenti decidono di pisciarle sulla testa, dopodiché uno si accovaccia e con un po’ di sforzo riesce a cagare fuori un gran bello stronzo che le si spiaccica sulla fronte con un sonoro plop.

 

Tua madre è una baldracca che adora prenderlo nel culo da chiunque capiti, ci ha provato persino col prete, ci prova con tutti i maschi che trova, quando vede un uomo non riesce a non immaginare quanto grande avrà il cazzo e si mette a sbavare come una cagna in calore solo all’idea di prenderglielo in bocca e leccarglielo. Le piace il sapore dello sperma, adora tenerselo in bocca per qualche secondo prima di ingoiarlo, guadagna duecento euro a settimana scopandosi il tuo professore di italiano, il panettiere, un commesso del negozio di vestiti, e il postino. Le piace anche sentirsi schiaffeggiata sul culo e quando la chiamano puttana si eccita tutta e si infila due dita nella figa per masturbarsi. Una volta era in astinenza da cazzo e per farsela passare ha fatto una sega al tuo cane e quando Fido è venuto abbaiando come un pazzo tua madre si è inginocchiata a leccargli l’uccello, poi ha raccolto con le dita un po’ dello sperma che era avanzato e se le è infilate nella figa masturbandosi e pensando al corpo del panettiere con la faccia del tuo cane, ma siccome non riusciva ancora a venire è dovuta andare nel ripostiglio a prendere una scopa per infilarsela su per la figa, ridendo come una pazza mentre il manico di legno entrava sempre più in profondità e la faceva sanguinare come una ragazzina sverginata.

 

Tua madre è una puttana che ha perso la verginità scopandosi i tre attaccanti della squadra di calcio dove giocava tuo padre, avevano vinto il campionato e allora le sembrava giusto salire in macchina con loro dopo che erano usciti dagli spogliatoi e andare in mezzo a un boschetto a farsi penetrare un po’. Tua madre si scopa anche il tuo migliore amico, le piace molto il suo cazzo giovane e inesperto e si mette spesso reggicalze e tanga di pelle per eccitare di più il tuo amico. Al tuo amico piace infilare un dito nel buco del culo di tua madre mentre le lecca i capezzoli, e a tua madre piace quando lui le lecca la figa e le graffia l’interno delle cosce con le unghie. Tua madre si scopa il collega di tuo padre, insieme fanno giochi erotici da pervertiti del cazzo, ogni volta che scopano il collega di tuo padre si diverte a vedere quanto in profondità riesce ad arrivare con la mano nella figa di tua madre, e il giorno dopo in ufficio lo racconta a tutti, tranne che a tuo padre che naturalmente non sa un cazzo e non sospetta minimamente di quanto sia troia quella sgualdrina succhiacazzi prendinculo di tua madre. Tua madre ha fatto un pompino al benzinaio perché non aveva i dieci euro per pagare, si è anche fatta infilare il tubo per la benzina nell’ano e si è messa a urlare di piacere mentre il benzinaio rideva e le pompava Shell V Power nel buco del culo.

 

Ah, dimenticavo, tua sorella vende il culo.

 

 

Ecco un buon esempio di aborto mancato

IL MONDO VA A PUTTANE, QUESTO E’ UN DATO DI FATTO. IL TIZIO DEL VIDEO INIZIA A SCLERARE DI BRUTTO DAL 4° MINUTO IN POI: E’ ESILARANTE, ASSOLUTAMENTE DA VEDERE. IL MOCCIOSO E’ UNA PERLA RARA, UN PERICOLOSO CONCENTRATO DI ISTERIA, IGNORANZA, E INSODDISFAZIONE SESSUALE ADOLESCENZIALE.

QUALCUNO LO FERMI PRIMA CHE CRESCA E ASSUMA UN PROPRIO RUOLO NELLA NOSTRA SOCIETA’ CHE E’ GIA’ ABBASTANZA COMPROMESSA DI SUO!!!

KILL HIM!!!

O uccidi il gay o te lo prendi in culo

Sono contro la discriminazione verso gli omosessuali

In realtà non me ne frega un cazzo, non conosco omosessuali per cui il problema non si pone, e anche se li conoscessi non cambierebbe il fatto che degli omosessuali me ne sbatto, a me piace la figa

ma quando vedo un gay così dannatamente gay che si comporta come una donnetta isterica allora divento di colpo un convinto sostenitore della Campagna per Ammazzare i Gay Effemminati

In realtà adoro guardare un coglione che va fuori di testa per colpa di una stronzata mentre il coglione responsabile della stronzata gli ride tranquillamente in faccia. Carognate del genere mi regalano un senso di pace interiore.

 

Smettila di guardare Colorado Café

Per quelli che ancora non lo conoscono, pubblico qui tre video che compongono uno degli spettacoli comici di un fottuto genio di nome Bill Hicks.

Perchè lo faccio?

1. Perchè non avevo voglia di scrivere un post.

2. Perchè credo che sia giusto divulgare il più possibile le spettacolari performance che Hicks riusciva a regalare.

Se non conoscevate quest’artista, dateci un’occhiata. Vi garantisco che non tornerete più indietro.

 

 

 

 

Il sesso è una buona cosa, a meno che tu non sia un down paralitico a cui non può venire duro. Hahaha non sai cosa ti perdi!

080926163756-721-233.jpg

 

Il motivo per cui sono così gravemente disturbato mentalmente risiede nel fatto che quand’ero piccolo ho subito uno shock fortissimo: sono entrato nella camera da letto dei miei genitori e li ho beccati mentre stavano facendo l’amore.

E mi sono masturbato mentre li guardavo.

 

Da quel momento in poi, ogni volta che andavo a letto con una ragazza, la costringevo sempre a chiamarmi “papà”, “babbo” o “paparino” mentre lo facevamo.

Il che non è poi così strano, visto che di solito scopavo ragazzine di dieci anni che avrebbero potuto essere mie figlie.

 

Lo psichiatra che mi aveva in cura cercò di aiutarmi proponendo che io sperimentassi una terapia d’urto: avrei dovuto affrontare mia madre apertamente e dirle in faccia che una parte malata di me era morbosamente attratta da lei fin da quella volta che l’avevo beccata nuda a scopare.

Funzionò a meraviglia: non avevo fatto in tempo a finire la mia confessione che mi stava già togliendo i jeans.

 

Mio padre venne a saperlo e minacciò di togliersi la vita a causa del dolore e della vergogna che la faccenda gli aveva procurato. Per fortuna mia madre riuscì a dissuaderlo assicurandogli che ce l’aveva più lungo del mio.

 

Mio fratello venne a conoscenza di questa storia solo molti anni dopo. Il sollievo che provò quando glielo raccontai era ben visibile sul suo volto.

“Credevo di essere l’unico ad avere un problema sessuale del genere”, mi confessò.

“Anche tu hai visto i nostri genitori che trombavano e ora sei attratto sessualmente da nostra madre?” chiesi io.

“Non esattamente”, mi rispose lui, posando con benevolenza una mano sulla testa di nostra nonna che gli stava faticosamente succhiando l’uccello da una mezz’oretta.

 

Una scena orribile: provate un pò ad immaginare una vecchia di ottant’anni mentre fa un pompino a vostro fratello!

Okay, se invece avete una sorella immaginatela mentre gliela lecca.

Okay, adesso smettetela di massaggiarvi il pisello e toglietevi dalla faccia quell’espressione assorta.

 

Anche a masturbarmi avevo seri problemi: non riuscivo mai ad avere un orgasmo, a meno che non andassi in camera dei miei genitori ad annusare il dolce profumo di gelsomino e fragola del cuscino di mia madre.

Ho scoperto solo molti anni dopo che annusavo sempre il cuscino sbagliato.

 

Ogni volta che mi masturbavo dovevo per forza pensare a una donna sexy del mondo dello spettacolo che fosse anche una madre, altrimenti non mi veniva duro. Per anni ho sperato che Vieri riuscisse a mettere incinta la Canalis.

 

Ma oggi, dopo anni di terapie, sono finalmente riuscito a superare il mio problema e a riacquistare dei gusti sessuali normali: sono una persona migliore, sana, a suo agio con la propria sessualità.

O almeno così mi dice sempre il mio fidanzato transessuale Paolo ogni volta che ci vestiamo di pelle e iniziamo a frustare dei nani deformi e nudi che mangiano fragole ricoperte di panna mentre ascoltiamo canzoni di Marylin Manson.

 

Lo so, lo so, è disgustoso: Marylin Manson, che orrore.

esterne011043490109104507_big.jpg