C’era una volta la musica italiana

C’era una volta in cui credevo che la presenza di bestemmie (sul blog, perlomeno) fosse un segno di scarsa intelligenza, in quanto rivelatore di una pericolosa mancanza di rispetto nei confronti delle persone che credono in una religione, più specificatamente nel cristianesimo.

Poi un bel giorno ho realizzato che le bestemmie esistono ed è inutile ignorarle, fingendo che siano una cosa brutta e volgare. Le bestemmie non sono brutte e volgari. Sono solo parole, innocue parole, parole che non uccidono nessuno, sono delle cazzo di sillabe poste una accanto all’altra, che servono a rappresentare in maniera efficace l’attuale stato d’animo di una persona.

Le bestemmie fanno parte della nostra cultura, sono parte integrante della nostra civiltà da centinaia di anni, sono espressioni linguistiche con una propria dignità che tutti usiamo. Ammettiamolo. Chi non ha mai tirato una bella sfilza di eresie dopo aver sbattuto con la macchina addosso a un palo della luce?

Con questo non voglio incoraggiarne l’uso (dopo il venticinquesimo commento che mi informa che Dio assomiglia a un cane, la cosa inizierebbe a diventare noiosa) quindi, se possibile, evitate di trasformare lo spazio per i commenti in una gara a chi la spara più blasfema.

Ma vaffanculo, fate un pò come vi pare.

Va beh, il punto è questo: la canzone che state per sentire contiene varie bestemmie assortite. A prescindere dalla loro presenza o meno nel testo, io ritengo che questa sia un’opera d’arte che esprime in maniera struggente e appassionata (e senza senza false ipocrisie) la condizione di ogni ragazzo triste e solitario che abbia mai messo piede sulla faccia della Terra.

Insomma, non sentite la sublime nota di malinconia nella voce dell’ignoto cantante?

Non avvertite quella deprimente e nostalgica sensazione che ogni buona canzone triste dovrebbe regalare?

Non vi accorgete della tremenda rabbia repressa che ribolle nelle vene segrete fra le parole?

E poi ci sono le bestemmie, dai. Meglio di così.

C’era una volta la musica italianaultima modifica: 2009-10-06T15:47:03+00:00da eric-devor
Reposta per primo quest’articolo

45 pensieri su “C’era una volta la musica italiana

  1. Le parolacce servono ad esprimere uno stato d’animo.
    Le bestemmie possono offendere la sensibilità di persone che hanno un ideale.
    Non sempre…anzi…MAI…conosci cosa passa per la testa di una persona e se poi ti ritrovi con un occhio nero dopo aver bestemmiato, non credo che ti debba chiedere perchè…

    …e poi anche un pugno esprime uno stato d’animo……

  2. “Le parolacce servono ad esprimere uno stato d’animo.
    Le bestemmie possono offendere la sensibilità di persone che hanno un ideale.
    Non sempre…anzi…MAI…conosci cosa passa per la testa di una persona e se poi ti ritrovi con un occhio nero dopo aver bestemmiato, non credo che ti debba chiedere perchè…

    …e poi anche un pugno esprime uno stato d’animo……”

    Cazzo, ma ce la fai?

    Un pugno è un’aggressione, cazzo! Una bestemmia è una parola. Te prova a dare un pugno ad uno che bestemmia, poi andate in tribunale, dopodiché mandami il video della scena, che voglio farmi due risate.

    Che poi, non capisco perché le parolacce sì e le bestemmie no. E se nella mia religione le parolacce fossero offensive?

  3. Old, ma sempre stupenda. Strano che tu non l’abbia postata prima… 😉
    E concludiamo con un pò di bestemmia creativa: Anubi.

  4. In realtà ‘sto post è una “sfida” che lanci a noi lettori, così anche se scriviamo soltanto bestemmie nei commenti il tuo ego è soddisfatto perchè noti che i commenti sono parecchi.

    Beh, Faina non mi freghi. Non scriverò un commento al tuo post, anche se l’ho appena fatt … Cristo Donna, mi hai fottuto.

  5. Le aggressioni non sono solo di tipo fisico. E poi in tribunale spesso si fiinsce più per parole fuori posto che per una aggressione fisica.

    Apri gli occhi cazzo..è come se offendessi tua mamma…bah…

    Poi questa cosa di odiare tutti e di voler bestemmiare solo per fare i fighi è vecchia :S :S

  6. bella la cosa dell’ideale! no, davvero, fantastica.. quindi se qualcuno offende del piero lo posso picchiare? oppure se mi dice che hikmet non sa scrivere e che che guevara era un bimbominchia posso fargli anche l’occhio, di nero?

    con l’unica differenza che del piero, hikmet e che guevara esistono.
    mentre la non esistenza di dio è la sua sola scusante.

  7. “Le parolacce servono ad esprimere uno stato d’animo.
    Le bestemmie possono offendere la sensibilità di persone che hanno un ideale.
    Non sempre…anzi…MAI…conosci cosa passa per la testa di una persona e se poi ti ritrovi con un occhio nero dopo aver bestemmiato, non credo che ti debba chiedere perchè…

    …e poi anche un pugno esprime uno stato d’animo……”

    ROFL!

    Bel post comunque.

  8. “Le aggressioni non sono solo di tipo fisico”

    Ma ce la fai?! (e due)
    La capisci la differenza tra il parlare male di una cosa in cui credo ed il farmi un occhio nero?

  9. “Apri gli occhi cazzo..è come se offendessi tua mamma…bah…”

    Ma ce la fai? (e tre)
    La capisci la differenza tra mia mamma che esiste DI CERTO e dio che esiste FORSE?

  10. Ma lo capite che non c’è differenza tra un ebreo bastardo e un porco infame? Se poi il porco è anche dio, meglio ancora.

  11. Ma lo capite che non c’è differenza tra un ebreo bastardo e un porco infame? Se poi il porco è anche dio, meglio ancora.

  12. Tralasciando il fatto che le religioni, qualsiasi esse siano, sono solo una gran bella presa per il culo e che la chiesa è una setta e basta, ora ditemi, perchè sto ragazzo non lo trovo nelle classiFICHE dei brani più ascoltati al posto di Ligabue, Vasco Rossi e Meneguzzi?

  13. la canzone è meravigliosa e sono convinto che Faina me l’abbia dedicata proprio a me, grazie ammore !

    apollo-dafne08: ho voglia di tirarti un porcone davanti

    p.s. carboni è qui con me che ride

  14. Secondo me la canzone è molto bella. Oltretutto, mentre all’inizio le bestemmie sembrano un po’ forzate (forse perché è l’effetto del primo ascolto), sul finale diventa delicata e malinconica. Forte!

  15. ahahah sono cresciuta con mio padre che come intercalare usa bestemmie, al posto dei soliti “cioè” “intendo” “per dire”…quindi dovrei essere abituata. E in effetti lo sono, eh, però trovo un uomo che bestiamma orribile agli occhi e all’udito…e non sono credente, sia chiaro.
    E dunque, ti chiederai. dunque nulla, ognuno faccia quel che gli pare!!
    Buongiorno, e…piacere!!

  16. Dio ti perdonerà, questo è il problema.
    Sei fortunato, perchè essendo codardo, non te la prendi con Maometto e l’Islam, ma solo con Gesù e la Chiesa. Da sempre.
    Ti vorrei vedere allegro con una Fatwa sulla cotenna girar per le strade.

  17. Shamanin: AHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHA. Allah è cane e Maometto è il suo guinzaglio !

    Faina: ti hanno preso di mira anche gli estremisti islamici MAHAHAHAHHA

    iena: “Maometto ???? posso scassarti il retto ?”
    Maometto: “ma certo, allah è reietto !”

    AHHAHAHA

  18. Li adoro quei coglioni che dicono che chi bestemmia il porco diaccio è un codardo perché ha il coraggio di bestemmiare allah o Maometto.

    Va’ tranquillo, che io bestemmio dio perché sono nato in mezzo a cattolici teste di cazzo, ma se fossi nato in mezzo ad islamici teste di cazzo avrei bestemmiato allah.

    Poi, certo, mi avrebbero tagliato la testa, ma questa è un’altra storia: dimostra solo che in Italia (ancora) siamo più civilizzati che in Iran.

  19. Sciuscia: ti amo !

    la verità è solo una: se esiste un Dio o comunque un’entità che può buttarci nel paradiso o nell’inferno, di certo non ci giudica in base alle bestemmie, ma guardando realmente se quella data persona è buona o no.

    Perchè se io sono fondamentalmente buono, ma faccio uno smodato uso della bestemmia e per questo Dio mi butta all’inferno, quel Dio è sicuramente un Dio di merda e allora sono fiero di bestemmiarlo.

    Se esiste un Dio, con la D maiuscola, di certo non ti giudica perchè lo paragoni a un suino quando sei incazzato. Ma per qualcos’altro di più importante.

    Ecco perchè chi ammazza per “religione” mi sta tremendamente sul cazzo.
    E gli estremisti sono la piaga più schifosa, nonchè la più pericolosa.

  20. Ogni volta che nomino Dio lo nomino invano perchè non risponde mai.
    A parte questo io non bestemmio perchè inutile per me che sono atea e irrispettoso per chi ateo non lo è.

    Ma Shamanin era ironico?

  21. Lilith: non penso. Tra l’altro sarà lo stesso coglione che ha minacciato Mourinho per la storia di Muntari AHAHAHHAHAHAHA

  22. @Lilith: irrispettoso? Ok, mi sta bene. Ma non certo più irrispettoso che dire “porco cane”, se io sono un animalista convinto.

  23. Più che altro è brutto sentire bestemmiare senza alcun motivo. Utilizzare le bestemmie al posto della punteggiatura (vedasi i bergamaschi).

    La bestemmia esprime potenza. Và detta con il cuore.

    LOL

  24. @Sciuscia Se sei un animalista convinto non ti incazzi neanche per il porco. I credenti ci tengono, invece, tanto che hanno dedicato persino un comandamento a tal proposito. Io non condivido ma non per questo denigro gratuitamente. Se poi un animalista mi fa presente che tale esclamazione gli reca fastidio non mi metto ad elencare un manuale di zoologia fantastica, mi limito ad esclamare un “cazzo” in luogo di qualsiasi altro “porco cane” mi venga da dire.

    @Ienabellamy Ho visto solo adesso la vicenda. Non seguo tantissimo il calcio, più della media femminile ma questa me l’ero persa. Comunque il fondamentalista esagitato in quel caso è Mourinho, non sa più che scuse inventarsi col suo ego.

  25. @Lilith: giusto, ho scelto la bestemmia sbagliata per fare l’esempio LoL.

    Dico solo che, di fronte all’argomentazione “quello che dici mi offende”, potrei pretendere che tu non aprissi bocca, ne convieni?

    Per esempio, se dici “miseria ladra”, io posso dire che nella mia religione questa è una blasfemia intollerabile e quindi zitta.

  26. tu puoi dire che qualsiasi cosa io ti dica ti offende ma non vuol dire che io mi senta in dovere di non dirlo. Cioè non è che sto lì a farmi prendere per i fondelli. Ci saranno di sicuro religioni che mi vietano di parlarti, ma di certo non farò ledere la mia libertà ad alcuna religione, a meno che non vada io in zone dove le regole religiose son valide come leggi. Evitare di bestemmiare non comporta in me alcuna rinuncia, è una piccola accortezza di buona educazione. Non sento il bisogno di difendere il mio diritto a bestemmiare in parole povere.

  27. @Lilith: certo.

    Io, per inciso, non bestemmio quando parlo con la gente. Lo ritengo volgare, e la volgarità (quella vera) non è mai tollerabile, è la peggiore delle bestemmie.

    Questo però non vuol dire che io rinunci alla questione di principio delle mia libertà di parola. Puoi sentirti offesa se io bestemmio, ma non puoi vietarmi di farlo.

  28. Lilith
    Possiedo l’arte dell’ironia, a differenza dei muslim, ed è su questo che ponevo l’accento.
    Comunque no, non ero ironico, ero sarcastico.
    Saluti.

  29. @ Sciuscia
    Infatti non è che bisogna sottostare ad un divieto solo essere un po’ attenti al linguaggio, di propria sponte. 😉

    @ Shamanin
    Ah ecco.

  30. Precisamente, Lilith.
    Mi piace solo pensare che se non bestemmio sia per mia educazione, e non per rispetto per chi crede in cose che per me sono puttanate atomiche.

I commenti sono chiusi.