Basta un poco di zucchero e il dito in gola va giù

AndrzejDraganMarta5956913lg1.jpg
NO
all’anoressia!
manuela-arcuri3.jpg
SI’
alle tette grosse!

 

 

Quando ho pubblicato il post su Twilight ho pensato “Ecco, finalmente ho concluso la mia opera più grande ed esauriente. In vita mia non avrò mai più bisogno di scrivere qualcos’altro che metta in risalto le carenze dell’universo femminile.”

 

 

Poi quel bastardo di Sgradevole mi ha fatto ricredere, ed eccomi ancora qui a cercare di illustrare nel modo più pacato e rispettoso possibile la mia serenissima opinione su quelle ragazze convinte che essere magre porti alla felicità.

SONO DELLE STUPIDE TESTE DI CAZZO!

Ma andiamo con ordine. Girovagando qua e là per vari blog PRO ANA (a quanto pare è questo il nome tecnico) ho selezionato alcuni “testi” rappresentativi di questa rara specie di ragazzine che da ora in poi chiamerò “Baldracche con la Merda al posto del Cervello”, o BMC.

 

AVVISO: Non escludo che alcuni degli esempi che riporterò siano dei veri e proprio fake (ne ho trovati parecchi), ma mi sento di dire che, per quanto possibile, ho sempre cercato di verificare che fosse tutto autentico. Vorrei davvero che fosse tutto un orribile, orribile scherzo.

 

Nel primo blog trovo (nella colonna destra) una sintetica descrizione che la BMC da di sé:

 

NOME: stefania …….
sono una ragazza dolce e forse troppo debole, schiava dell’aspetto esteriore..

 

Schiava dell’aspetto esteriore… E qui ho iniziato ad avere i brividi.

 

AMO: dimagrire, la moda, viaggiare, le mie extension, paris hilton e kate moss, gli stivali alti, la tg 38 e 40, gli skinny jeans, new york, la polinesia, la coca (di vasco)

 

Uao, mi sembra di essere in una gara per decidere qual è la cosa più disgustosa. Al momento i tre favoriti sono “dimagrire”, “extension” e “la coca (di vasco)”. Anche se “gli skinny jeans” hanno buone chance di rimonta.

 

ODIO: ingrassare, il cibo, la 42, la bilancia, il mio corpo, i sandali alla schiava, i fascisti, chi ti guarda male, essere ignorata, chi odia le bionde

 

Ehi, anche io odio i fascisti! Abbiamo molte cose in comune! Che ne dici, usciamo insieme qualche volta? Magari andiamo a fare una passeggiata e ci mangiamo un bel gelato e… Come dici? Niente gelato? Ah sì, scusa, tu odi il cibo, è vero.. Beh, lasciamo stare allora.

 

fanculo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

scusate dovevo sfogarmi..allora..sono una guastafeste..

peso di stamattina: 45.7

stamattina ero in giro con la mia collega e mi ha convinto (isistendo) a prendere un bicchiere di ciocchino in caffetteria..cosa sarà mai????diceva ke era buonissimoooooooooooooo..bene, si trattava di un bicchiere con caffè, latte, una crema a scelta (ho preso la nocciola), altri strati con latte si chiamava trama di latte fine o cose del genere e sopra 3dita di panna montata, quella dura fatta al momento e scagliette di cioccolato……………………………………..cosa??????quando l’ho visto mi stava venendo un’infarto…porca paletta…

mi ero fatta tutto il mio programmino della giornata, e invece..puff sfumato….

credo proprio che a pranzo insalata, poi tisane e acqua..magari se ho fame mi compro coca light o zero..perche  stasera ho un aperitivo con un’amica..e mi sa ke la cena la salterò..eh si..

 

Capite perché non escludo l’idea che i blog delle BMC siano dei fake clamorosi? Voglio dire, quando leggo questa roba non riesco a credere ai miei occhi: insalata, tisane, acqua, Coca Light, cena saltata… Che cazzo ti viene in mente porca puttana? Perché ti prendi la briga di restare viva, se questa è la qualità di vita che ti concedi? Fatti un favore, prendi una bella dose di sonniferi e tagliati i polsi.

 

non devo vomitare, non devo vomitare, non devo vomitare…….son venuta a scrivere per non stare con la testa nel cesso a sboccare insalata con un uovo(solo il bianco xk ha 16kcal ogni 100g, il rosso lo butto) e 4morsi di mela…………

andrò al bar a bere un caffè e a fumarmi una sigaretta..magari nel frattempo mi passa la voglia.

 

Al bar a bere un caffè??? Ma che cazzo dici sei impazzita??? Il caffè ha 10 calorie se è amaro macchiato con 10 grammi di latte e per ogni fottuto cucchiaino di zucchero aggiunto ti becchi 15-20 calorie in più! FERMATI FINCHE’ SEI IN TEMPO, PAZZA!

 

odio mio padre!!!!!!!!!!!!!!!!!……………..fuck………….

litigo con lui e come sempre la mia dieta va a farsi fottere!!!!sempre!!!!!!

ieri sera abbiamo bisticciato a cena, mi è presa una rabbia assurda, cosi questo è stato il mio d.a. da schifo:

2patate lesse con senape, un piatto di verdura cotta, un pezzetto di pane (saranno stati 20g), una fetta di torta e 2 pasticini (per fortuna quelli secchi ripieni di mela)

 

Certo che tuo padre è proprio uno stronzo: 2 pasticcini secchi ripieni di mele! Che grandissimo figlio di puttana.

Okay, basta ora, mi sposto da un’altra parte.

 

Che merda di giornata.Che merda di mondo.Che merda di persone.Che merda di debolezze..merda merda merda!!!!!!! che merda che sono!!!!!mi sò stancata…mi sento una lardosa palla di grasso uniforme..la bilancia dice che son dimagrita,vado51 ora,ma io sto gonfia come una palla…ho mangiato una mela e una barretta fitnes e mi sento in colpa,mi sento di scoppiare…ho bisogno del digiuno..mantenersi è così difficile e stressante…digiunare mi riesce + semplice…in più mi son venute,e mi sento ancora + merda…che palle…vita vuota…ho appesa nell’armadio una mini taglia 38,iper piccina..quanto vorrei poterla mettere senza problemi…..

 

Per un attimo stavo pensando ai bambini che muoiono lentamente di fame in Africa e si accasciano inermi al suolo polveroso invocando l’aiuto di un Dio che non c’è, e a tutti quei teneri bimbi innocenti che vivono in paesi dove c’è la guerra e stanno saltando per aria sotto i bombardamenti, urlando e perdendo pezzi del loro corpo che schizzano in aria e disegnano una scia di sangue rosso scuro… ma per fortuna mi hai distolto da questi sciocchi pensieri ricordandomi quali sono le cose veramente brutte della vita: il grasso corporeo, le fottute barrette fitness, le mestruazioni, e le taglie 48 appese nell’armadio! Grazie, BMC.

 

Nel frattempo continuo a lievitare. Sono grassissima. Mi sento grassissima. La pancia sporge anche quando sono in piedi, quando addrizzo la schiena. E perfino quando trattengo l’aria. I jeans stringono. E mi stringono anche il cuore. Non mi guardo allo specchio. Mi fa male vedermi così.
Domani torno a Bologna. Grazie al cielo potrò non mangiare e non avrò tentazioni. Riperderò tutto quello che ho accumulato finora. Solo quando avrò modellato il mio corpo e avrà raggiunto la forma che desidero, potrò tornare a guardarmi allo specchio. Solo quando mi sarò consumata, potrò definirmi soddisfatta. Solo quando verrò notata, potrò definirmi felice.
Ora come ora, vivo di senso di colpa.
Indelebile.

 

“I jeans stringono. E mi stringono anche il cuore”

Ma da che cazzo di sarto vai?

(Scusate, non volevo. Concedetemela, non potevo trattenermi.)

Comunque questo pezzo è davvero… non so, direi quasi… toccante, ecco. Toccante. Sembra il testo di una canzone di Biagio Antonacci.

 

Lui non l’ho ancora dimenticato. E come potrei? Mi manca come mi manca la me stessa di 3 mesi fa. Quella felice, in ogni caso.
Adesso sono il fantasma di me stessa.

Ieri ho mangiato, in tutta la giornata, 2 gambi di sedano, una carota e due mele e tanta acqua e tè verde. Oggi cercherò di ridurre ulteriormente. Controllo, è la parola chiave.

Io non voglio più essere me stessa. Voglio essere migliore. Voglio essere sottile, inconsistente.
Solo così, Lui mi rivorrà.

 

Chi non rivorrebbe un fantasma inconsistente e sottile che mangia gambi di sedano e beve tanto tè verde? Chi, dannazione, chi potrebbe essere così stupido da lasciarsi sfuggire un bocconcino del genere?

Io, per esempio. Mi sposto su un altro blog.

 

stamattina mi sono pesata e…sorpresona!!!
erano 35.550!!!la farmacista, che aspettava me per chiudere, ha chiesto se sono ingrassata, certamente perchè
vedendomi scomparire in questi UMM taglia 27 credeva che dovessi per forza essere all’ingrasso.
le ho detto di no e lei -come no?-
e si è avvicinata a vedere il peso.
ha guardato la bilancia e ha chiesto -ma mangi?
ma ditemi voi, si è mai sentita una anoressica dire -certo che no, è da ieri che ho vomitato la cena che non tocco cibo, ho mangiato solo una caramella balsamica e l’avrei voluta vomitare se avessi potuto, non vedo l’ora di perdere altri 10 kg, ricoverami!-
che domande!
ho risposto si, e lei -brava, adesso andiamo tutti a mangiare!-
e io pensavo -si, adesso che sto preparandomi al decollo mi zavorro!- ma le ho detto
-ciao, e buon appetito!-

 

Che domande, certo che non l’ho mai sentita quella dell’anoressica che ammette di aver mangiato solo una caramella balsamica e che chiede di farsi ricoverare! Però ho sentito quella dell’anoressica che è morta perché il continuo vomitare e rifiutarsi di mangiare le ha distrutto l’organismo! Tu l’hai sentita? No? Che domande!

 

Ieri sera mi sono trovata in una situazione poco piacevole…sono uscita con gli amici…a mangiare…non sapevo come mi sarei comportata infatti è stato un emerito disastro…mi è arrivato un piattone di pasta…ENORME!! Ovviamente quando tutti avevano già mangiato primo secondo e contorno, il mio piatto di pasta era ancora pieno…ho mangiato a malapena due spaghetti di numero, nonostante la mia forchetta continuasse ad arrotolare ed arrotolare spaghetti col sugo…ad un certo punto cominciano a dirmi “ma sei ancora dietro a quel piatto? ma che hai” E io ” beh non ho tanta fame non mi sento molto bene…ho lo stomaco chiuso…volete finirli voi?” .. per fortuna un’anima pia ha messo a fine alla tortura mangiandoseli tutti…stavo per entrare nel panico più totale…che schifo.

 

“Ho ringraziato l’anima pia facendogli un pompino nascosti dietro un cassonetto dell’immondizia, ma alla fine mi sono categoricamente rifiutata di ingoiare lo sperma. Che schifo!”

Va beh, concludiamo in bellezza: (ci sarebbero molte altre BMC da sfottere, ma preferisco passare. Pensateci voi nei commenti, basta semplicemente cercare un blog PRO ANA e leggere qua e là)

Signori e signore, rullo di tamburi… Abbiamo una vincitrice:

 

Dopo 35.550 adesso sono sui 36.100, ma i pantaloni pesano 530 grammi.

 

530 grammi. Brutto figlio di puttana di un Calvin Klein!

 

 

 

Basta un poco di zucchero e il dito in gola va giùultima modifica: 2009-03-10T23:12:00+00:00da eric-devor
Reposta per primo quest’articolo

67 pensieri su “Basta un poco di zucchero e il dito in gola va giù

  1. Emix

    Fottute anoressiche dal cervello fottuto. L’elettroshock ci vorrebbe. O i lavori forzati in miniera, poi vediamo se non mangiano.

  2. Fracchia

    imbuto? CLISTERE!
    faina, grande post, no, è che mi sembrava che fossi un po incazzato, tutto qui, invece ti ritrovo meglio di prima!
    continua così!

  3. Max Power

    Brrrr, che blog terrificante quello pro ana.
    Comunque non dimentichiamo che l’anoressia è una malattia e queste ragazze vivono un grave disagio.

  4. paperogaedintorni

    l’anoressia è una malattia grave e complessa. non una delle tante cazzate che passano per la testa delle femmine. il tuo post non è quindi solamente di cattivo gusto, quello spesso è anzi un tuo pregio. è un post disinformato e superficiale su qualcosa di molto più grande di te.

  5. Babbona Tale

    Spettacolare è un pezzo di George Carlin in cui dice che una ragazzina stupida che si mette a strillare “I don’t wanna eaaaaaaaaat” non è una cazzo di malattia.
    – You don’t wanna eat? Fine, don’t eat and die.

  6. silvio

    faina, forse avresti dovuto informarti un pò meglio e non usare la stessa tecnica che hai usato per il post su twilight: lì erano deficienti, qui sono malate. il pezzo non è di cattivo gusto per il semplice motivo che la satira non conosce argomenti tabù, ma forse avresti dovuto impostarlo diversamente. comunque, nonostante tutto, la buona fede del tuo post si percepisce. molto latente..ma si percepisce

  7. sara

    aspettavo il tuo post,dopo aver letto sul blog di sgradevole che volevi affrontare l argomento.ad essere sincera,conoscendoti un po per quel che leggo qui,pensavo peggio..ma….faina,credimi,l argomento è molto più complesso…e parlo per fottuta esperienza vissuta..ho letto anch io,ieri,vari blog pro-ana,e sono rimasta allibita..e ho ringraziato Dio,per essermi accorta in tempo che ero malata e avevo bisogno d aiuto.l anoressia,come la bulimia,non è un altro capriccio di noi donne,faina,come hai scritto in un commento…non scegli di ammalarti..e quando ci sei dentro,non ti rendi neanche conto di essere malata…non potrei neanche spiegare cosa scatta…o almeno,nel mio caso potrei,ma…ehi…è solo un blog..solo internet..che vuoi che importi.non ridicolizzate però queste ragazze…hanno bisogno d aiuto..ma purtroppo non se ne rendono conto.ti auguro una buona giornata,faina,e scusami se mi sono dilungata.SARA.

  8. epifasi

    ciao, io ti trovo molto simpatico in quanto leggo spesso i tuoi post, ma queste ragazze hanno problemi psichici, ti sembra che aggredirle possa aiutare, mi da l’impressione che tu non sei contro questa grave situazione, ma contro queste ragazze, pensando che non sia una malattia ma uno stile di vita, bè, forse inizia come stile di vita, ma poi prende una strada diversa.
    p.s
    ma scusa se tu conosci un depresso cronico, che fai per aiutarlo, lo scuoti per le spalle e gli gridi “testa di cazzo vedi de svegliatte, esci de casa, fai qualcosa”. quello dopo 2 secondi si ammazza.
    Questa è la mia opinione, non prescindendo comunque che mi piacciono i tuoi post, e che in passato ti ho fatto anche dei complimenti.

  9. indieandre

    non credo tu abbia sbagliato nei toni faina: molti di questi blog sono fake, per fortuna, magari creati ad arte da chi produce la cocazero ecc. molte di queste ragazzine non sono davvero malate, ma solo adolescenti esaltate che al posto della moda di farsi una riga scelgono la moda di non mangiare e quindi si, vanno prese per il culo e trattate così. non credo che una vera VERA anoressica si metterebbe davanti a un pc a scrivere stronzate del genere. certo però che è l’argomento più terrificamente che tu abbia mai trattato…

  10. Faina

    Ehm.. un piccolo avviso per chi mi crede poco informato su questo argomento: sono stao assieme per due anni a una ragazza con problemi di anoressia e so benissimo di cosa parlo.
    I blog di queste ragazze che ho preso in esame ESALTANO la loro malattia e ne fanno un pregio, una virtù, si vedono INSERITE in una grande tribù incompresa (basta leggere i commenti -impressionanti- ai post da cui ho riportato alcuni pezzi).
    Non sto sminuendo la malattia di queste ragazze (di cui metto in dubbio la veridicità in alcuni casi, perchè non me la vedo proprio un’anoressica che scrive simili cose a cuor legero, non corrisponde alla terrible realtà che ho sperimentato stando a stretto contatto con una di loro, ripeto), io ne vorrei condannare l’uso MOSTRUOSO che ne fanno alcune di loro, dettato dalla stupidità.
    E non venitemi a parlare del fatto che si sentono SOLE E INCOMPRESE e che scrivere i loro pensieri sul blog è l’UNICA cosa che le fa andare avanti, per favore: stronzate. Solo perchè una è malata non è automaticamente esentata dall’essere anche un’imbecille.
    E NON va giustificata SEMPRE, soprattutto non in questi casi. Vi sembro troppo duro? Non credo, in questo momento ci sono VERAMENTE bambini che muoiono di fame in Africa, ma nessuno viene a rompermi i coglioni per questo. In fondo chi li conosce, giusto?

    Comunque è la prima volta che io ricordi che un mio post suscita un dibattito serio. Sono sorpreso.

  11. auroraxspirit

    l’anoressica è depressa. è una che perde di vista completamente il complesso delle cose e focalizza le sue frustrazioni su aspetti di sé, che sono le più evidenti manifestazioni del fatto che lei è merda. lei pensa di non aver diritto a niente…
    non fa forza su di sé, ma cerca l’approvazione degli altri, cambiandosi come crede che agli altri piacerà…
    l’anoressica è una che deve lavorare molto su se stessa e quando è ormai in quel buco, è difficile raggiungerla per farle vedere che fuori c’è il sole, la vita…

    io penso di conoscere il tuo modo di scrivere e dare spunti. a me fa piacere che tu abbia trattato, a modo tuo, l’argomento e quindi aperto un po’ un dibattito
    e come al solito mi hai anche strappato quel tot di risate

    (ex anoressica da tanto tanto tempo… e non mi succederà senz’altro mai più!!!)

    ciao ciao faina!!!

  12. Alessandra

    “Solo perchè una è malata non è automaticamente esentata dall’essere anche un’imbecille”.
    Sante parole, cazzo.
    E parlo con cognizione di causa, credetemi.
    Ma questo non vuol dire che non si possa parlare, ironizzare e mandare a fanculo una ragazzina solo perchè mangia due carote crude, mele cotte per riempire lo stomaco (e andare in bagno più spesso) e carciofi non conditi.
    La malattia è una cosa.
    La deficienza un’altra.

  13. peppe

    faina, sei un povero idiota. ti informo che l’anoressia è una malattia. non secondo me, secondo l’organizzazione mondiale della sanità, che l’ha inclusa nell’International Classification of Diseases. per cui le imbecilli contro cui ti scagli (tu sì che fai satira, altro che Luttazzi, oh), sono malate. il tuo post è una stronzata, è come prendersela con i malati terminali di cancro chiamandoli imbecilli perchè sono malati.
    Complimenti, hai fatto l’ennesimo esempio di risata verde, karl kraus ti fa una pugnetta a quattro mani.

    PS, già so che risponderai dicendo che mi vuoi fare una zucata di pesce, eccetera, quindi ti prevengo: accomodati pure. A me i ricchioni non piacciono, però mi pare che ci tieni troppo, quindi levare la pazziella al criaturo mi pare peccato.

  14. silvio

    faina
    grazie per la precisazione e per la confidenza però ribadisco che da come hai scritto il post sembrava che ne sapessi poco. scusa..ma vuoi dire che i commenti lasciati dopo twilight non erano sei???

  15. Faina

    @ peppe: Caro peppe, se mi accusi di aver semplicemente paragonato l’anoressia alla stupidità, significa che ti sei perso qualche passaggio fondamentale.
    O che non hai compreso il senso del post. O che sei un moralista, o un idiota, o un rompicoglioni. O magari hai ragione tu e io sono una testa di cazzo e ho scritto una stronzata, chi può dirlo? Per cui, che cazzo sto qui a risponderti?
    Rileggiti il mio commento precedente, renditi conto del fatto che hai fatto la figura di merda dell’invitato a una festa in smoking che si presenta in tuta, dopodichè abbassa la testa e ritorna silenzioso al buco dal quale sei uscito.

    “è come prendersela con i malati terminali di cancro chiamandoli imbecilli perchè sono malati”

    Eh sì, è proprio la stessa cosa! L’anoressia è come il cancro, a quanto pare. Ottimo paragone, si vede che sei uno che ha studiato a fondo l’International Classification of Diseases dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

  16. peppe

    faina, sei sempre un povero idiota. mi sarei perso qualche passaggio fondamentale, che specifichi nel commento di cui mi hai parlato(e che ovviamente avevo letto).

    Cito letteralmente: Solo perchè una è malata non è automaticamente esentata dall’essere anche un’imbecille.

    L’anoressia (puoi trovare queste notizie accendendo la televisione, e sintonizzandoti su quei programmi-contenitore per casalinghe, il cui livello culturale è adeguato al tuo) è un disturbo le cui cause sono varie, ma il cui effetto maggiore è il sentirsi troppo grassa. guarda un pò, questo è proprio l’atteggiamento imbecille che hai descritto tu. Esaltare la loro malattia, è esattamente una fase della stessa malattia, non è certo indice di imbecillità.
    Il tuo post, invece, è proprio indice di imbecillità.

  17. peppe

    @ un povero idiota

    Cito testualmente: Solo perchè una è malata non è automaticamente esentata dall’essere anche un’imbecille.

    Quello che tu chiami imbecillità (il sentirsi grasse, il contare le calorie, l’esaltare la magrezza in un blog…) sono proprio fasi della malattia. A questo punto, il mio paragone regge, per cui qui c’è un solo imbecille,e quello sei tu.

  18. Faina

    @ peppe:

    grazie per la tua puntualizzazione così corretta e perspicace! ora cancellerò il post, cancellerò il blog, mi cospargerò il capo di cenere e mi ritirerò nel deserto!

    o forse andrò avanti a fare il cazzo che voglio e mi dimenticherò ben presto della tua insulsa esistenza e…ops, già fatto.

  19. peppe

    @faina

    la cosa assurda è che io sto qui ad argomentare le mie tesi, tu invece ti atteggi a superiore. questo vuol dire che hai poco da controbattere, perchè hai scritto solo cazzate. se avessi l’umiltà di ammetterlo, salveresti quel minimo di faccia che ti è rimasta.

    La mia esistenza è insulsa, perchè ti ho criticato? Cazzo, meno male che le critiche non ti interessavano!

    A proposito, come giustifichi il momentaneo blocco dei miei commenti, prontamente disattivato quanto scustumato ti ha fatto presente la cosa sul nostro blog?

  20. Perrott'

    In effetti Faina ha ragione,
    lui è coglione, ma sono ancora più coglioni quelli che leggono sta merda di blog…
    Complimenti, Faina, hai risolto il problema dell’anoressia!
    Ora risolvi quello dei bambini viziati che si fanno un blog credendo di essere gli scrittori satirici del secolo!
    E anche quello dei bambini ancora più viziati che seguono un blog su cui si spara a zero su tutto e su tutti usando termini da scuola media come cazzo, pompino e mamma di faina… e poi spiegaci anche come si fa ad essere contenti delle tante persone che ti commentano per criticarti, ma non perchè sei sagace e dici quello che la gente non vuole sentir dire, ma perchè fai cadere le palle per quanto possano esistere persone banali e stupide come te…

  21. Faina

    @ peppe:

    Lo giustifico col fatto che ci vuole un pò di tempo perchè myblog faccia apparire i commenti, pirla.

    Comunque non è che ho poco da argomentare, è che mi diverte tirarla per le lunghe e farti imbestialire… mi aiuta a passare il tempo, e mi diverte non poco. E poi ammettiamolo, a che servirebbe? Se anche uno dei due avesse la Prova Suprema che quello che dice è giusto, di sicuro l’altro non si abbasserebbe mai a dargli ragione.

    Commentate numerosi, cucciolotti!

  22. Empuse

    “SONO DELLE STUPIDE TESTE DI CAZZO!”

    “Schiava dell’aspetto esteriore… E qui ho iniziato ad avere i brividi.”

    “Che cazzo ti viene in mente porca puttana? Perché ti prendi la briga di restare viva, se questa è la qualità di vita che ti concedi? Fatti un favore, prendi una bella dose di sonniferi e tagliati i polsi.”

    “Ma da che cazzo di sarto vai?”

    Questi sono solo alcuni estratti della tua sagace analisi dei comportamenti delle ragazze anoressiche.

    Dopo qualche commento però senti l’esigenza di specificare “Non sto sminuendo la malattia di queste ragazze”.
    Ah no?
    Non ti sei limitato a commentare il loro modo di scrivere della malattia nei loro blog, a “condannare l’uso MOSTRUOSO che ne fanno alcune di loro, dettato dalla stupidità”. Tu hai proprio contestato la malattia, prendendola sottogamba come una scemenza qualsiasi da “femmine”, come si evince dalle tue frasi che ho riportato sopra.

    “Solo perchè una è malata non è automaticamente esentata dall’essere anche un’imbecille.” Certo. Peccato però che ciò che tu reputi imbecillità siano i sintomi della malattia stessa. Poi che tra queste ragazze (e ragazzi – essì, esistono anche maschi anoressici, ma fanno meno notizia) ci siano delle idiote, nessuno lo mette in dubbio.

    Del resto, la stessa teoria non si applica solo ai blog delle anoressiche. Ci sono blogger che magari si mangiano un capretto al giorno, ma non è che il cibo infonda nel loro cervello le capacità dialettiche, l’acume e la sagacia che tanto agognano.

  23. peppe

    strano, alle volte myblog ci mette pochissimo, altre volte invece è decisamente più riflessivo… che caso curioso.

    se tu avessi ragione, credimi, ti darei ragione, e amici come prima. non sono un mongoloide, nè un dodicenne. e comunque, se credi che io mi imbestialisca, sei fuori strada. ho un debole per la farsa, e poi la tua stronzaggine mi diverte.

  24. Campanellino77

    Spezzo una mezza lancia a favore di faina.
    Credo, o forse mi auguro solo, che il reale obiettivo del post non fosse tanto l’anoressia intesa come malattia quanto l’esaltazione della medesima ad opera di chi, forse superficialmente, forse per estrema giovinezza o forse per seguire determinati dettami imposti dalla moda, si avvii in maniera più o meno inconsapevole nel baratro della malattia.

    Ciò non toglie che anche l’esaltazione sia già parte della malattia.

    Un simile post non toglie e non mette.
    Lo trovo piuttosto inutile, in realtà.

    I blog pro ana ci sono da anni ormai, come i blog degli autolesionisti, dei sadomasochisti e compagnia bella.

    L’attacco non serve a nulla, se non a far richiudere queste ragazzine ancora di più nella loro spirale di autoesaltazione e paranoia.

  25. newearth

    boh! io non ci trovo nulla di male in quello che fa faina: ha attaccato giustamente delle ragazzine coglione che esaltano l’anoressia. Non so perchè lo ha fatto (per divertire? per aggredire? per informare? perchè ha problemi mentali?), ma questo è faina, è sempre stato così.

    e poi: ragazze malate di anoressia si possono dividere in 2 categorie: quelle che lo fanno perchè realmente sono malate e non se ne rendono conto e quelle che invece sanno che si fanno del male, però sono felici di questo

    e si capisce subito qual è che deve essere aiutata e quella che deve essere aggredita

    ultima cosa: a queste “ragazze” se le vediamo per strada o ad esempio in un locale, non diciamo niente, tipo che so: “Ma guardati, quanto sei magra, ma non ti vergoni?” e penso che questo le farebbe ragionare un po’.

    se incontriamo uno che ci fuma davanti, non esitiamo a dire cazzate su quanto il fumo fa male, anche se è lo stesso identico principio….

  26. G

    “I jeans stringono. E mi stringono anche il cuore”.
    – Forse non dovrebbe abbottonarli sopra le tette –

    Faina, lurido e disgustoso mammifero, questo è il genere di post che vorrei ricevere in redazione e non quella pletora di critiche antigrillo che mi hai mandato!

    @ chi si lamenta del post.:
    Queste ragazze sono malate e andrebbero aiutate e curate. Ma la colpa non è di Faina che lo nota e lo stigmatizza così, ma di chi sta “vicino” a queste persone e non se ne cura perché troppo impegnato a seguire “chi cacherà e dove” durante questa settimana nella casa del grande fratello.

  27. Emix

    Faina, per favore, disattiva di nuovo i commenti. Alla fine avevi ragione tu quella volta 🙂
    In ogni caso l’anoressia è una psicosi, un’ossessione estrema per il controllo, non una malattia in senso lato.

    Nessun agente patogeno esterno attacca alcunchè, e di anoressia non si muore, si muore d’inedia, di insufficienza renale o di overdose di xanax, dato che nel nostro consumistico mondo civilizzato l’unico modo che esiste per affrontare le psicosi è l’uso di psicofarmaci. Psicofarmaci che spesso vengono prescritti con una leggerezza a dir poco spaventosa da medici/carnefici.

    Parlo per esperienza, anche io come faina ho avuto a che fare con una ragazza affetta da questi disturbi.

    ribadisco, in miniera 12 ore al giorno, senza TV, Sky, amiche zoccole, maria de filippi e tutte le troiate che sputtanano il cervello.
    Altro che xanax, altro che analisi, altro che “sono malate”.
    Sono solo il fottuto frutto di questa fottuta società, mica esistevano prima della rivoluzione industriale e dell’avvento dei mass media.
    Sono solo una delle fonti d’introito dell’industria farmaceutica.
    ‘fanculo.

  28. Red Skull

    Ragazzi, riflettiamo un secondo…certamente l’anoressia è una malattia, psicotica, ma pur sempre una malattia, col i suoi sintomi, le sue conseguenze ecc…ma dovremmo soffermarci non sul mentre, non sul dopo, ma sul PRIMA! In somma, ci si deve essere arrivati alla malattia! Non è genetica (ritengo), non la trasmette qualche batterio, e nemmeno con l’esposizione a raggi gamma! Quindi rimangono due possibilità: o si ha qualche disfunzione dell’organismo, che POI porta all’anoressia (ma queste persone, non ragazze, badate bene, perché a tutti, TUTTI può capitare, non vanno certo sui blog a scrivere quanto siano felici di non mangiare per tre giorni di fila o di quanto siano disperate se per un malaugurato caso del destino ingoiano un pò più di ossigeno del previsto, perché si rendono conto della loro situazione!), oppure sono semplicemente delle persone idiote, mentecatte, prive di qualsivoglia attività cerebrale, che non mangiano per entrare in dei JEANS!!! Insomma! Rovinarsi la vita per piacere al ragazzo o per indossare un vestito taglia 38 mi sembra veramente terrificante! Orripilante e disgustoso!! E badate bene, che questo si evince dai pezzi di blog che ha trovato Faina.
    Sicuramente alcuni di questi non saranno veri, ovvio, ma parlano tutti della medesima cosa, ergo, anche quelli veri sono scritti da dementi! Poi, che siano femmine o maschi non mi interessa, e non dovrebbe interessare a nessuno, ma la stupidità non ha sesso!

    Grazie dell’attenzione

    Red Skull

  29. Faina

    @ Emix: avete voluto i commenti? adesso ve li tenete 🙂
    @ G: per il prossimo numero riceverai una carrettata di roba simile… basta con la politica, non fa per me.

  30. sgradevole

    osservo solo un commento per tutti: “il tuo post è una stronzata, è come prendersela con i malati terminali di cancro chiamandoli imbecilli perchè sono malati”.
    (commento di beppe.)

    scusa beppe. cosa cazzo c’entrano i malati di cancro con queste tizie?
    è la stessa cosa dici?
    hai mai visto un blog di un malato di cancro che invita gli altri a prendersi una metastasi?
    dirai che queste, visto che hanno dei problemi mentali, non possono essere prese per il culo?
    io dico di si.
    oppure se un serial killer apre un blog invitando ad uccidere col trapano i vicini di casa non si può dirgli che è un coglione perché, poveretto, mica possiamo prendercela con il suo povero cervelletto in pappa?

  31. punzy

    scusate, intervengo in questo interessantissimo (si fa x dire) dibattito per far notare due cose in particolare:
    primo: la scrittrice satirica del secolo sono io, molto più brava di faina in quanto non uso foto di femmine seminude e nemmeno la parola pompino (benché, lo ammetto, forse ho un pò esagerato con l’abbondare
    della parola cazzo)
    secondo, mettersi a fare un dibattito serio tirando fuori una serie di articolate motivazioni per supportare la propria indignazione in un pezzo che l’autore ha scritto x ironizzare lo trovo veramente fuori dal mondo.
    la satira é irriverente, se non lo fosse non sarebbe satira.
    io, signori, quando avevo 19 anni, mangiavo tipo uno yogurt alla settimana. e francamente ho iniziato ad uscirne quando mi si é rivelato il lato comico dell’andare a comprarsi i vestiti nei negozi x bambini.
    non dobbiamo mai aver paura di ridere di noi stessi, di trovarci ridicoli, buffi e fuori posto

  32. Red Skull

    questa è stata, a parte l’ultima parte (involontario gioco di parole), un’uscita davvero infelice…apparte l’arroganza varia ed eventuale, ma se pensi che tu scriva meglio, dai modo a tutti di vedere cosa scrivi!

  33. punzy

    red skull, ma non mi sono offesa, figurati! non é mica colpa tua se non hai il senso dell’umorismo necessario a distinguere l’arroganza dall’ironia 🙂

  34. peppe

    @ sgradevole

    ripeto per l’ultima volta il concetto, ad uso e consumo dei mongoloidi che siete.
    L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) stabilisce cosa si possa definire malattia. L’anoressia è una malattia, il cancro uguale. L’essere serial killer no (o per meglio specificare, uccidere le persone può essere un comportamento sintomatico di un male psichico). Se l’OMS ritiene che l’anoressia sia una malattia, gli atteggiamenti che ne derivano non dipendono da una debolezza intellettiva, ma da una malattia.
    Per tornare al tuo esempio del serial killer, è idiota prendersela con un serial killer, quando questi non si rende conto di cosa fa, come è idiota scagliarsi contro ragazzine anoressiche, perchè sono malate.
    Quanto, poi, al blog del serial killer, e cazzate varie ed eventuali, vorrei ricordarti che viviamo in un contesto sociale, in cui determinati organi sono preposti a salvare il tuo culo anche dai serial killer; anche la giurisdizione considera l’ incapacità di intendere e volere come una causa di non imputabilità.

    Ecco perchè, ancora una volta(e spero per l’ultima) mi trovo a dire: il tuo esempio è una stronzata degna dell’autore, il mio regge.
    A proposito, mi chiamo peppe, con la p.

  35. Woland

    Voi mancate di precisione. Tutti.
    Le anoressiche sono malate? Ovviamente.
    Qualche percorso neurale, in queste persone, è deflesso dalla traiettoria standard. Che però è anche quanto si potesse dire di Mark Chapman. Non mi pare che i moralisti facciano questi gran picchetti per la riabilitazione di Chapman. Gli anarchici, forse. Con la loro romantica avversione per le galere. Dove le anoressiche non si possono mettere, anche perché troverebbero troppo facile vomitare il cibo.

    Ma comunque. Fatemi essere sintetico.
    Faina usa uno stile “infantile”, diretto, di proposito. Non credo che sia perché non sa scrivere “sesquipedale”. Immagino non sappia che farsene (consiglio, però: accostalo a “pene”), perché cerca di ingenerare un altro effetto.

    Ogni volta che la creazione di un enunciato violenta urta contro un dolore, i sacerdoti di quel dolore si indignano. Giusto? Boh. Naturale, più che altro.
    Il fatto che il dolore sia reale deve cacciare indietro l’ iconoclastìa? Io non credo. Infierire su queste cose è una forma di sociatria. Se il medico è un macellaio, non portategli i pazienti.

    Cioè, leggete un’ altra cosa.

    E insomma, e Basta, e non rompete il cazzo.

    E tu, se pensi di non aver scritto cazzate, Faina, se per te c’ ha un senso, che cazzo rispondi a fare?

    Rispondi “Abbiamo ricevuto le Sue osservazioni e le esamineremo al più presto. Le faremo sapere”.

    E fine.

  36. Woland

    Per inciso, se Faina riesce -nel bene o nel male che sia- a far ridere qualcuno con questo post, quella E’ una risata verde.

  37. roberto

    “La funzione dei commenti, nei blog, serve fondamentalmente a una cosa sola: a ricevere pompini virtuali (l’immagine l’ho ripresa da un post di Chinaski).

    Dopo un po’ che la gente commenta sempre sul solito blog, tende a ripetersi: “Madonna come sei bravo, sì sì hai ragione, fantastico”. O questo, oppure usa i commenti per farsi pubblicità. O per insultare chi ha scritto il post.

    Quindi, dal momento che 1) dei complimenti non mi interessa un granché e poi continuerei a scrivere lo stesso anche se i post vi facessero cagare, 2) pubblicità non ne voglio, 3) chi non è d’accordo con quello che scrivo può rompermi i coglioni in privato, invece di spararle grosse nei commenti solo per far vedere che è un critico letterario di alto livello (e per farsi pubblicità nella maggior parte dei casi, e qui ci ricolleghiamo a 2), dicevo, dal momento che 1 2 e 3, preferisco chiudere i commenti. Se proprio vi va di sprecare cinque minuti a farmi un pompino, c’è sempre l’e-mail.”

    faina, 05/02/2009

  38. sgradevole

    @ beppe, peppe o come cazzo ti chiami.

    qui non si sta discutendo se siano malate o no.
    ovvio che sono malate.
    si sta discutendo se possano essere prese per il culo o no.
    ma non mi risulta che l’oms abbia detto che l’anoressia implichi necessariamente che si debba aprire un blog per scrivere stronzate al fine di incitare altre persone ad ammalarsi. questo l’oms non lo dice.
    per cui io sinceramente me ne sbatto i coglioni delle anoressiche e dell’oms.

    p.s. “determinati organi sono preposti a salvare il tuo culo anche dai serial killer”: dico, non riescono a fare luce neanche su meredith, su cogne, sugli stupri di roma e tu ti senti di affermare che i caramba sono in grado di salvarti il culo da un serial killer? ma in che mondo vivi?

  39. peppe

    @sgradevole

    non seguo i blog pro ana, ho letto gli esempi riportati da faina: nessuna ha incitato altre ragazze a diventare anoressiche. si può ridere di tutto, ma bisogna saperlo fare: io gestisco un blog decisamente più volgare e triviale di quello di faina, quindi non mi indigna il fatto che il suo post sia poco politically correct; mi da fastidio la strumentalizzazione idiota, unita al fatto di non aver capito un cazzo di una malattia. dire che ti sbatti il cazzo dell’oms ti qualifica solo come ignorante, ma non c’erano dubbi di sorta, comunque.

    riguardo ai “determinati organi etc”: sugli stupri di roma, la polizia e i giudici stanno lavorando; il processo di primo grado sul caso meredith è in fase istuttoria; il caso cogne ha una colpevole(sentenza passata in giudicato); mi chiedo, allora: TU in che cazzo di mondo vivi?
    gli organi di polizia e giudiziari non possono prevenire tutto il male possibile, ma mi sembra che, compatibilmente con quanto è umanamente possibile, facciano il loro. o vivi quotidianamente la guerra civile, testa di cazzo?

  40. Cioppy

    questa roba fa male… davvero stringe il cuore… come si può ridursi così? il commento al vetriolo non mi è proprio uscito, sono spiacente. oltre ad essere una fottuta taglia 46!

  41. Faina

    @ sgradevole: ti capisco benissimo, ma lascia stare ormai, è fiato sprecato. domani scriverò un post sui killer malati di cancro e li prenderò per il culo tutti, dal primo all’ultimo, in barba all’OMS.
    @ woland: sesquipedale pene anche a te, woland.
    @ roberto: la mia opinione sui commenti non è cambiata, ma siccome molti (moooolti) hanno scritto chiedendo di 1) rimettere i commenti o 2) chiedendomi perchè avevo tolto i commenti o 3) facendomi notare che senza commenti era tutto più triste o 4) minacciandomi di morte, alla fine li ho rimessi. questo non toglie che li consideri per lo più inutili e scontati: gente che rompe le palle e gente che mi fa i complimenti, come sempre. e scriverei anche se nesuno commentasse.

  42. cumpareddu

    Chi ha chiesto la mia opinione?
    Nessuno, ovviamente…
    Comunque…..eccovela:
    Penso che per capire il senso del post basti tenere a mente la frase ” Vorrei davvero che fosse tutto un orribile, orribile scherzo.” , ivi contenuta.
    Che altro?

  43. Le Favà

    Io posso solamente dire che magari l’articolo soffre di non delicatezza nel trattare l’argomento, però almeno ne parla, del problema. Usa la chiave umoristica non che della fellatio (altrimenti non sarebbe Faina Style) per esporre il pensiero di queste ragazze.

    Non credo che tutti siano buonisti e buoni in questo mondo. Essere buoni o assumersi a tali è già un peccato che va contro ciò che vogliamo sembrare. Come ha detto pure Faina, nessuno si lamenta che però in Africa e in altri luoghi del mondo si muore di fame perchè cibo non c’è.

    Il post io lo vedo come quelle poesie di Cecco Angiolieri, che a suo tempo con poesie come S’ì fossi foco, denunciava tutto e tutti.

    Il paragone magari è forzato, è che davvero se penso che in questo mondo tutti sono buonisti e buoni allora non so davvero perchè il 20% della popolazione riassorbe l’80% della ricchezza mondiale.
    Se buono e buonista dovesse seguire i dettami di quello che professano, dovrebbero perlomeno regalare ogni anno 200 euro per associazioni umanitarie. O se cristiani e convinti, donare quello che è in più ai poveri. Come disse Gesù nel suo vangelo.

    Ma essere buonisti è facile a parole vero?
    Predichiamo religione solo quando ci fa comodo vero?

    Alla fine io a Faina posso solo smuovere una critica, magari solo più tatto sull’argomento. Ma questo poi non sarebbe Faina. O si ama o lo si Odia. E come sempre non vi piace? Internet è immenso. andate a foraggiare da altre parti.

  44. auroraxspirit

    @ tutti
    se faina con questo post voleva entrare nei blog più caldi, beh, grazie a voi ci è riuscito. se invece voleva dare uno spunto, a modo suo, su un argomento, voi avete fatto in modo di evitare il discorso… per 5 volte ero tornata per finire un discorso che avevo iniziato, perché è una cosa che nel passato mi è successa, e non avevo idea che oggi sui blog ci potessero essere queste cose… questo mi ha colpito davvero e volevo parlare di come vedo e ho vissuto io la cosa… ogni volta non ce l’ho fatta perché ho visto che non si ragionava di quello, ma di modi, insulti e punti presi…
    vi assicuro che il vs. modo di parlare della cosa, non è stato meglio!!!
    che tristezza…

  45. saretta

    leggendo il post, senza entrare nel merito di quanto sia competente attento o vagamente offensivo per chi vive il robblema da un altra angolazione, viene abbastanza naturale pensare che è stupido consumare la vita per una taglia 38 dando un calcio in culo ai veri valori e al rispetto di chi vorrebbe vivere e invece non puo’, pero’ quando poi entri in un negozio di vestiti e trovi solo “jeans-pro-barbie” accompagnati dalla commessa secca secca che ti fissa con disgusto e non capisci come possa esserti sfuggita una taglia da un negozio all’altro, nonostante un’autostima incrollabile ogni tanto viene difficile farsi cappuccino e cornetto senza sensi di colpa.

    Penso che il cervello e la personalità siano le cose piu’ importanti di un essere umano , ma è anche vero che gli stimoli esterni spesso ti fanno sentire inadeguata per quel chiletto in piu’, essere in pace con se stessi e con lo specchio è molto piu’ difficile per una donna che per un uomo.

    Io sono stata fortunata e sono circondata da persone che mi amano mi apprezzano rispettano e desidero per quello che sono e non sono mai scesa sotto i 49 kg perchè mi piace troppo mangiare ed essere felice ma per sicurezza i vestiti che non mi entrano piu’ li faccio sparire.

  46. sara

    …e non posso che essere d accordo con auroraxspirit.nessuno che stia parlando del disagio…dell incubo…del dolore che si vive se tocchi con mano quella malattia(e ripeto,io l ho toccata personalmente).siete tutti troppo impegnati a dire che si possono prendere per il culo,che non sono malate….ho letto persino un commento in cui si scrive “di anoressia non si muore”.complimenti.siete impegnati a difendere il sarcasmo…l ironia…e faina,che in quanto padrone di casa può scrivere ciò che gli va.già,internet è immenso.il rispetto per chi sta male,invece,è minuscolo.SARA.

  47. la Volpe

    Ci sono una miriade di spunti interessanti in questo contesto.

    Innanzitutto mi sento veramente “caduto dal pero” nel vedere come le abituali frequentatrici del blog raccontino tutte esperienze simili (e alcuni frequentatori parlano di esperienze del genere fra amiche/ragazze). Mi sembra preoccupante, forse sono io che non mi sono mai accorto di niente. Quanto è profonda la diffusione di questi problemi? (che si tratti di problemi a livello più o meno elevato, e io considero elevato anche una quindicenne che si preoccupa di avere qualche chilo in più o in meno, non necessariamente un’anoressica vera e propria)

    Secondariamente, se prendete in mano un paio di jeans femminili di una taglia di oggi e li confrontate con quelli della stessa taglia di 5 anni fa vedrete che le taglie sono state artatamente ridotte. Modi vergognosi di speculare sulla salute delle ragazzine.

    In terzo luogo, Faina non ha certo bisogno che io ne prenda le difese, per cui non lo farò. Mi limito a dire che secondo me la cosa importante è parlare di certi argomenti, imparare qualcosa di nuovo, e scambiare riflessioni con altre persone, per esempio in questo luogo, può essere veramente produttivo (è a questo che servirebbero i commenti, più che a dire “sei figo Faina” o “sei un idiota Faina”, anche perché lo sappiamo tutti – Faina, sei figo E idiota :p ). Tornando a parlare di cose SERIE: spiace anche a me che le riflessioni a un certo punto abbiano preso una direzione “poco interessante” e “poco utile”, quella di “la satira può parlare o no delle anoressiche”/”viva Faina/abbasso Faina”, quando mi è parso poter scorgere nei commenti del potenziale per imparare qualcosa che potesse davvero migliorare la mia/nostra percezione del problema.

    In particolare mi preoccupa il punto di PARTENZA di queste cose: cosa diremo ai nostri figli e alle nostre figlie quando avranno 15 anni? Che devono rifarsi il seno se non hanno la quarta? Perché Faina invece di inneggiare alle tette grosse non si fa un giro sui siti delle “would-be-maggiorate” e critica gente come Cristina del Grande Fratello? La compagna di classe di un mio amico ha fatto una plastica del genere ed è un orrore estetico. Perché da quando ho cominciato l’università a quando l’ho finita la droga ricreativa è passata dall’essere lo spinello all’essere la cocaina? Perché le ragazzine che scendono dallo scuolabus delle medie hanno il piercing all’ombelico, il rossetto, l’anello al naso e la sigaretta in mano? Perché si fa sesso sempre più giovani e sempre meno protetti? Quali sono gli stimoli che ci fornisce la società? Sono collegate tutte queste cose? Come possiamo combatterle senza diventare dei vecchi barbogi censori? Come faremo a impedire ai nostri figli di diventare dei deficienti?

  48. KingD

    Sarà anche una malattia, ma è creata da televisione, moda e tutte ste stronzate: una bella cura efficace per le anoresiche: via la tv, via le riviste del cazzo, le si prende, le si porta in campagna e le si fa lavorare i campi in buona old school, a fare le mondine ad esempio. Poi vedi come si buttano sulla scodella di riso, altro che contare le calorie…

  49. Empuse

    @ Emix

    Giusto una precisazione.
    Hai scritto “di anoressia non si muore”.
    Notizia di stamattina, su vari giornali: secondo gli ultimi dati statistici, l’anoressia e la bulimia sono la prima causa di mortalità in Italia tra gli adolescenti.

    Forse forse, tanto una cazzata non è sta roba, eh?

  50. Attila

    A me piace sia la Coca Light che la Coca Zero (con la Zero viene un Cuba Libre fantastico insieme al Varadero n.d.r.)…

    Devo iniziare a preoccuparmi?

  51. The Comedian

    Premesso che l’anoressia è una delle poche cose che può rendermi meno cinico del solito:

    Perchè non prendiamo il post di Faina per quello che è, cioè satira (o sberleffo, presa per il culo, sbeffeggio, battuta, miavetefraintesoècolpadeicomunisti)?

    Non credo avesse intenzione di fare un saggio di Alberoni. Oppure sì? (oddio no, per carità!)

    P.S. per Faina: dopo questa leccata di culo cosmica ho deciso insindacabilmente che mi devi una birra.

  52. Akuzo

    Come Faina anch’io ho potuto vedere e, in parte vivere, il problema da vicino, in quanto la sorella della mia ex era anoressica (probabilmente lo è tutt’ora, chi lo sa…), e ho potuto vedere gli effetti della malattia sulla persona e, soprattutto, sulla famiglia.

    Trovo giusto riportare la frase scritta poco più sopra dal buon compareddu.
    >

    Certamente Faina in diversi punti ha usato un linguaggio un pò eccessivo, ma lo scopo del post è quello di rendere pubblico quanto sia orribile e terrificante questa malattia, quanto spinga il cervello a funzionare in maniera assurda, formulando pensieri come quelli riportati, che, diciamolo, sono anormali e idioti (a prescindere del fatto che siano o meno giustificati da qualsivoglia malattia). O almeno credo fosse questo il senso…

  53. Akuzo

    EDIT
    Scusate, ma a quanto pare ho fatto una cazzata e non è rimasta riportata la frase che volevo… eccola qui:

    Penso che per capire il senso del post basti tenere a mente la frase ” Vorrei davvero che fosse tutto un orribile, orribile scherzo.” , ivi contenuta.

  54. iv

    “”l’anoressia è una malattia grave e complessa. non una delle tante cazzate che passano per la testa delle femmine. il tuo post non è quindi solamente di cattivo gusto, quello spesso è anzi un tuo pregio. è un post disinformato e superficiale su qualcosa di molto più grande di te.””

    ANCHE IO LA PENSO PROPRIO COSì.
    devi sapere che anch io ho passato un brutto periodo e ci son stata di mezzo a questa cosa, non andavo a scrivere nei o blog o altro del genere che poi non si capisce se alcune parti le hai inventate o sono vere.
    non hai però il benchè minimo rispetto di una malattia che bisogna cercare di sconfiggere ma non con il tuo sarcasmo da 4 soldi

  55. Izumi

    Anche io ho amiche ex anoressiche…
    purtroppo bisogna fare dei distinguo fra le ragazze che hai citato:
    alcune sono poser [ovvero lo fanno per attirare l’attenzione]altre sono vere anoressiche

    quella del bicchierino con la panna è una poser: una anoressica non mangia una cosa così nemmeno sotto tortura…

    Quella dell’insalata e l’uovo e quella della cena col padre sono vere anoressiche:è il loro comportamento alimentare tipico..

    la ragazza che vuole mettersi la 38 è una poser: l’anoressica non ha “obiettivi”,solo un grosso dolore…e poi ha il ciclo e finchè ha il ciclo vuol dire che non ha problemi alimentari di sorta…

    quella dei jeans che stringono è una vera come anche quelle dopo dei gambi di sedano e della farmacista:comportamenti tipici come la visione distorta del corpo,la storia che “prima ero meglio,voglio tornare così” e il non volersi esporre al giudizio altrui [una poser avrebbe ammesso che era a dieta] sono tipici…

    sull’ultima del piatto di pasta ho qualche dubbio…

    e sulle poser le prese per il culo si sprecano…ma su quelle reali non c’è da skerzare…

    io non ho riso leggendo il post ma per la semplice ragione che in ognuna di quelle ragazze rivivo un momento brutto della mia vita….

I commenti sono chiusi.